• Programmatic
  • Engage conference

08/06/2021
di Andrea Di Domenico

Ecommerce, crescono i tassi di conversione. I dati di Similarweb

L’analisi della società di Digital Market Intelligence sul settore del commercio elettronico: il traffico continua a salire, e migliora anche la percentuale di utenti che arriva all’acquisto

Ecommerce-similarweb.jpg

Dopo l’accelerazione impressa all’ecommerce dalla pandemia, anche nella prima parte del 2021 non si ferma la voglia di shopping online dei consumatori in tutto il mondo: lo conferma la società di Digital Market Intelligence Similarweb, che registra a livello globale una crescita del 17% nel traffico dei siti di commercio elettronico. Interessante è poi anche il dato sui tassi di conversione, in aumento nel mondo e arrivato a sfiorare in Italia il 7%: segno, secondo Similarweb, che i player del settore stanno affinando la loro capacità di realizzare vendite.

I dati di Similarweb: Amazon guida le classifiche

Secondo i dati di Similarweb, nel primo trimestre dell’anno le visite globali ai siti E-commerce & Shopping sono aumentate del 17%, sfiorando quota 50 miliardi.


Leggi anche: NEL 2021 L'ECOMMERCE B2C VARRÀ 30,6 MILIARDI DI EURO, +18%. LE STIME DEL POLIMI


Tra i leader spicca Amazon, con una quota di traffico del 9% a livello mondiale, ma di oltre il 31% nel nostro Paese. eBay e Subito completano il podio in Italia, con una quota di traffico rispettivamente del 12,1% e del 11,1%. La brand awareness e una strategia Seo efficace sono, secondo Similarweb, gli elementi decisivi per acquisire visibilità online. Infatti, Direct e Organic Search risultano tra i canali privilegiati per entrare in contatto con i siti web dei retailer, sia in Italia che nel mondo. 

Un altro fenomeno da osservare con attenzione, sottolinea la società di Digital Market Intelligence, è il progressivo aumento delle conversioni della categoria Ecommerce & Shopping, un segnale che sembra certificarne la crescente capacità di realizzare vendite. Se il tasso di conversione da desktop dei maggiori siti ecommerce era pari al 4,9% a settembre del 2020, nel primo trimestre dell’anno è incrementato al 6,6%. Sopra la media l’Italia, con il 6,9%, mentre la Gran Bretagna guida la graduatoria mondiale con l’11,41%. Tra i verticali con i migliori tassi di conversione spiccano Grocery (19%), Libri (14,9%) e Articoli per Feste (13,7%).

Infine, prosegue anche la transizione verso il mobile del traffico web, che dal 57% del 2020 passa al 60% in questo primo spaccato del 2021 per quanto riguarda i siti del comparto ecommerce. Un dato di cui i brand e retailer devono tenere conto, costruendo esperienze ottimali anche per smartphone, che valorizzino le immagini e permettano di concludere l’acquisto in sicurezza e rapidità.


Leggi anche: ECOMMERCE, COME SFRUTTARE I VARI CANALI DI VENDITA?


“È in atto una rivoluzione profondamente digitale che non riguarda solo i consumatori, ma anche e soprattutto le aziende, che dovranno sapersi adattare a nuove esigenze e desiderata”, dichiara Stefania Balsamo, che guida le attività di Similarweb in Italia come Country Manager (nella foto sotto).

“La capacità di cogliere in anticipo i trend del mercato e le mosse della concorrenza rappresenta una leva fondamentale per accrescere il business e massimizzare le opportunità presenti nei mercati in cui si opera. Per il retail, al pari di altri settori, ciò significa garantire esperienze di fruizione evolute e all’avanguardia, in grado di ingaggiare il cliente finale fornendogli strumenti digitali all’altezza se non superiori alle aspettative".

 

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI