• Programmatic
  • Engage conference

01/02/2021
di Lorenzo Mosciatti

Consorzio Tutela Provolone Valpadana ci riprova: al via gara per la scelta dell’agenzia pubblicitaria in Italia

Il valore totale stimato dell’incarico è di 1.794.400,00 euro, Iva esclusa, per un contratto di appalto di 36 mesi

provolone-val-padana_290783.jpg

Conclusasi con l'annullamento della procedura la gara indetta lo scorso novembre, il Consorzio Tutela Provolone Valpadana ci riprova e indice una nuova consultazione per la selezione di una società che si occupi della comunicazione e delle campagne pubblicitarie sul mercato italiano del Provolone Valpadana DOP. 


Leggi anche: TUTTE LE GARE PUBBLICITARIE CHIUSE E IN CORSO  


Il valore totale stimato dell’incarico è di 1.794.400,00 euro Iva esclusa. 

Le attività da svolgere, in ambito progettuale, riguardano: informazione e promozione dei prodotti agricoli di qualità europea, pubbliche relazioni e ufficio stampa, collaborazione con influencer ed associazioni, comunicazione digitale attraverso sito web e social media, pubblicità su quotidiani, tv, radio e online, organizzazione di eventi e degustazioni per consumatori, elaborazione di materiale informativo e video, organizzazione di eventi mirati all’interno di grandi manifestazioni.

La durata del contratto di appalto è di 36 mesi.

Il termine per il ricevimento delle domande di partecipazione è il 15 febbraio 2021 alle ore 12.00, mentre l’apertura delle buste è prevista per il 16 febbraio 2021 alle ore 9.00.

Il capitolato tecnico e tutte le informazioni relative al bando di gara sono disponibili sul sito www.provolonevalpadana.it nella sezione “Comunicazione – Mercato Interno”, relativa ai bandi di gara.

La gara indetta a fine 2020 è stata dunque annullata lo scorso 21 gennaio, si legge in un comunicato firmato dal presidente del Consorzio Libero Giovanni Stradiotti, "preso atto della riscontrata carenza, nell'ambito della documentazione di gara, di un criterio volto ad individuare l'adeguatezza economica delle offerte presentate e della circostanza che le fasi apertura delle buste contenenti le offerte non hanno avuto svolgimento in seduta pubblica, inficiando i principi di trasparenza, pubblicità, imparzialità e parità di trattamento che devono sovrintendere alla procedura concorsuale".

La gara si era chiusa precedentemente con l'assegnazione dell'incarico a Blancdenoir, posizionatasi davanti a Adriacongrex, Ideazione, Pirene, Homina, OCM Group, Conversion E3, Wellcom, Comunico, Emmegi Group e Swan&Koi Società Benefit. 

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI