• Programmatic
  • Engage conference

30/10/2020
di Alessandra La Rosa

I vantaggi dell’asta unificata nel mondo mobile app: da Magnite arriva una nuova soluzione

Si chiama Demand Manager Mobile e, basata su Prebid, consente di integrare un più efficiente sistema di monetizzazione senza sacrificare l’operatività dell’app

magnite.jpg

Magnite amplia l’offerta con un nuovo prodotto. Si chiama Demand Manager Mobile e nasce con l’obiettivo di aiutare gli sviluppatori di mobile app a integrare l’efficienza delle aste unificate all’interno delle loro impostazioni di monetizzazione.

La soluzione, già utilizzata da alcuni player internazionali come Mediahuis Nederland, Impala Studios e Slickdeals, è basata sul SDK open source Prebid, e rappresenta una “soluzione leggera che mette a disposizione di chi sviluppa app mobile le potenti performance di Prebid”, senza sacrificare l’operatività dell’app, spiega la società in una nota. “Gli editori si assicurano il vantaggio di poter connettere molteplici fonti di domanda in un’asta unificata, senza il bisogno di fare aggiornamenti sull’app” e dunque senza la necessità per loro stessi di ricaricare l’app sugli app store, e per gli utenti di scaricare l’update.


Leggi anche: MAGNITE ANNUNCIA IL LEADERSHIP TEAM: SARA BULUGGIU DIRETTORE GENERALE ITALIA, SPAGNA E MENA


Utilizzando Demand Manager Mobile, gli sviluppatori di app potranno aggiungere aste direttamente all’interno dei loro ad server, fissando un preciso CPM. Lo strumento supporta svariati formati pubblicitari, dai banner agli interstitial ai video, e tra questi ultimi varie tipologie come interstitial video, outstream e rewarded video.

“Abbiamo sviluppato Demand Manager Mobile per rispondere al bisogno degli sviluppatori di app di una soluzione leggera e oper source che li potesse aiutare a superare i limiti dei sistemi a cascata – commenta Gareth Glaser, Senior Director of Product Management at Magnite -. Demand Manager Mobile mette il controllo della monetizzazione nuovamente nelle mani degli editori e consente una reale competizione di mercato per ogni singola impression”.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI