• Programmatic
  • Engage conference

22/09/2020
di Lorenzo Mosciatti

Sublime offre una seconda vita ai formati social degli inserzionisti

Disponibile sul web mobile, l'offerta consente di estendere le storie e i post degli spender sul network della società ed è disponibile in due formati

Sublime-Social.jpg

Sublime annuncia il lancio della sua nuova offerta pubblicitaria, Sublime Social.

Disponibile sul web mobile, l'offerta consente di estendere le storie e i post degli inserzionisti sul network Sublime, ed è disponibile in due formati.

Il primo è Sublime Story, una soluzione pensata per permettere agli inserzionisti di riutilizzare le loro storie (fino a 4) in un formato esclusivo e completamente personalizzabile nei colori del brand, per allungare la vita di quest'ultime e raggiungere un pubblico più ampio. Creato dai video di brand content, questo formato può integrare anche altri moduli: testi, sondaggi, quiz o modulo acquisti.

Il secondo è Sublime Post. un formato che integra i post degli account Facebook, Instagram, Twitter e TikTok dei marchi direttamente in un pannello, fornendo la possibilità di continuare la conversazione sociale con l'utente al di fuori dei social media.

Questa offerta 100% mobile fa parte della mission di Sublime, società specializzata nella creazione di esperienze di pubblicità digitale premium e non intrusive su desktop e mobile, di rafforzare il dialogo tra brand e consumatori. Gli spendere possono così completare la propria comunicazione social raggiungendo non solo i propri follower ma anche gli utenti che non hanno un account sui social media o che non seguono ancora il brand.

Inoltre, questa nuova soluzione offre ai brand la possibilità di aumentare la viralità delle loro pubblicazioni facendo affidamento sull'ampia inventory di editori premium e partner brand safe di Sublime, offrendo agli utenti un'attraente esperienza mobile-first e intuitiva che utilizza i codici visivi dei social network.

La soluzione consente quindi di beneficiare di un'estensione del pubblico al di fuori dei walled garden, senza richiedere ulteriori investimenti creativi per i brand.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI