• Programmatic
  • Engage conference

NEWZ: Stories sulla #GENZ

A cura di ZooCom

Parte la nuova rubrica "NEWZ: Stories sulla #GENZ firmate ZooCom". Il primo articolo indaga sul rapporto della Generazione Z e la musica

02/10/2020
di Saverio Fiorino, Copywriter di ZooCom

Reel, Instagram colpisce ancora?

Alla scoperta della nuova funzionalità di Instagram. Sarà un successo o resterà un tentativo (mal riuscito) di emulare TikTok? Instagram ci riprova e dopo il successo delle Stories imitate da Snapchat, questa volta è il turno di TikTok che trova in Reel un forte competitor. 
Agli utenti l’ardua sentenza ma intanto scopriamo di cosa si tratta.

Partiamo dalla fine

Prima di spiegare Reel e il suo funzionamento, vale la pena soffermarsi su cosa porterà questa nuova funzione e su quanto sia viva la battaglia a TikTok.
 Le somiglianze sono evidenti, se non per un’essenziale differenza: Reel permette di registrare video fino a 30’’ contro il 01:00 di TikTok, inoltre sembra che realizzare un contenuto con TikTok resti ancora più intuitivo e divertente grazie ai diversi effetti e tool a disposizione.
 Conseguenza?
 Gli utenti al momento registrano i video da TikTok per poi caricarli su Reel.
 Risultato?
 Sembrerebbe che Instagram sia caduto nella trappola di fare pubblicità gratuita al suo “rivale”! Ma nulla di più falso. Come sempre l’algoritmo ha una soluzione per tutto, e Instagram riconosce quali video vengono realizzati nativamente su Reel e quali su TikTok, e così i secondi sono penalizzati. Insomma, gli utenti che vanno a caccia di followers dovranno abituarsi a usare solo e soltanto la nuova funzione di IG.
 Ma non finisce qui! Inizia a comparire su Instagram il target che fa gola a tutti, stiamo parlando degli under 18 che popolano TikTok e che stanno migrando su Instagram pronti a incontrare i brand, ancora propensi a investire sull’app di Zuckerberg. Gli stessi utenti vedono una possibilità di “monetizzare” più facilmente spostandosi su una piattaforma più adatta allo scopo.

Instagram ha vinto? Ancora presto per dirlo, di certo la strada imboccata è quella giusta. Dopo le premesse, conosciamo Reel.

Come funziona?

Una volta selezionato Reel dalla fotocamera di Instagram abbiamo accesso a una serie di tool:

Audio: per creare un video utilizzando un audio originale o preso dalla libreria di Instagram.

Effetti: per selezionare uno dei tanti effetti messi a disposizione da Instagram o da creators di tutto il mondo.

Cronometro: per impostare il timer e realizzare il contenuto a “mani libere”.


Allinea: per realizzare transizioni, utile ad esempio per i cambi di abbigliamento (tendenza molto popolare) o per l’aggiunta di altre persone/elementi nel contenuto che vogliamo pubblicare.

Velocità: per impostare un ritmo, rallentando o accelerando parte del video.

Condivisone: siamo su Instagram, la condivisione è d’obbligo! Pubblico o privato, a noi la scelta.

Privato: una volta registrato il reel, sarà possibile condividerlo sul feed e solo i follower potranno visualizzarlo.

Pubblico: è possibile condividere il reel in uno spazio all’interno di “esplora”, quindi di mostrarsi davanti all’intera community di Instagram seguendo la logica degli hashtag, filtri usati, audio, già valida su altre tipologie di contenuti.

In conclusione, non vi resta altro se non provare a registrare il vostro video su Reel! Preferite salvarlo da TikTok e poi caricarlo su Reel? Va bene, ma attenti all’algoritmo :)