• Programmatic
  • Engage conference

18/03/2019
di Alessandra La Rosa

Omnicom Media Group riorganizza il team del programmatic

Da aprile la holding sposterà 620 specialisti da Resolution Media e Annalect nelle sue principali centrali media, per facilitare e rendere più fluido il dialogo coi clienti anche sui temi ad tech

omnicom.jpg

Oggi tutte le principali holding di comunicazione hanno una loro offerta programmatica, con un trading desk di riferimento, ma se alcuni gruppi hanno preferito centralizzare expertise e tecnologie in precise strutture, altre hanno optato per "sparpagliare" le competenze nelle proprie agenzie. Quest'ultimo è il caso anche di Omnicom, che da aprile sposterà 620 specialisti dalla sua agenzia di programmatic, search e social Resolution Media e dal suo data hub Annalect nelle sue principali centrali media, ossia OMD, PHD e Hearts & Science. «Le agenzie hanno bisogno di un'integrazione più stretta con questo tipo di servizi, che ormai sono diventati mainstream - ha spiegato Scott Hagedorn, CEO of Omnicom Media Group North America -. E' giunto il momento di portarli direttamente dentro le nostre sigle». Ma quale sarà allora il futuro delle attuali società programmatiche di OMG? Secondo quanto riporta AdExchanger, Annalect continuerà a vivere come un gruppo a sé, con circa 150 persone a livello globale operative sullo sviluppo di prodotti, l'ingegnerizzazione e l'approvvigionamento e la gestione dei dati per Omni, la piattaforma di planning e attivazione lanciata lo scorso anno dal gruppo. Resolution, invece, resterà un'agenzia autonoma con un team di 80 persone in USA, specializzata sui clienti a performance, e riporterà a Hagedorn. Spostare talenti "tecnologici" all'interno delle agenzie avrà più obiettivi: innanzitutto facilitare una migliore conversazione sullo sviluppo dei prodotti per specifici bisogni dei clienti, ad esempio con la creazione di specializzazioni verticali per settori merceologici o canali di comunicazione, come l'acquisto di spazi su Amazon o sulle tv avanzate. Ma anche rendere più fluido il contatto tra clienti e agenzie, soprattutto quando sono in ballo questioni "tecniche": in questi casi prima erano necessari colloqui specifici con strutture dedicate, mentre con la nuova conversazione sarà tutto risolvibile all'interno di una stessa agenzia, e dunque più rapidamente.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI