• Programmatic
  • Engage conference

01/04/2021
di Lorenzo Mosciatti

Pomilio Blumm vince la gara di Invitalia per la pubblicità del nuovo digitale terrestre

L'agenzia abruzzese ha già vinto il bando per i servizi di pianificazione

logo-pomilio-blumm_368638.jpg

Pomilio Blumm ha vinto la gara aperta da Invitalia, l’agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa, per l'ideazione e realizzazione della nuova campagna di comunicazione DVB-T2 2021 - 2022, che avrà il compito di promuovere la transizione verso il digitale terrestre di seconda generazione. Come noto, infatti, prende il via quest’anno il percorso a tappe elaborato dal Mise per il passaggio al nuovo segnale televisivo DVB-T2, che consentirà di godere di una qualità delle immagini superiore all'attuale e di ricevere più canali, ma costringerà molti italiani al cambio di televisore o all'acquisto di un decoder nei prossimi mesi.

Pomilio Blumm ha già vinto il bando indetto da Invitalia per il servizio di pianificazione media. 

Come si legge nel provvedimento di aggiudicazione, PomilioBlumm è risultata prima in classifica nella graduatoria, avendo ottenuto un punteggio per l’offerta tecnica pari a 47,370 punti ed un punteggio per l’offerta economica pari a 20,00 punti (con un'offerta ribassata di più del 50% per un prezzo pari a 143.999 euro, Iva esclusa) e, quindi, un punteggio complessivo di 67,37 punti. 


Leggi anche: DIGITALE TERRESTRE, PARTE LO SWITCH OFF: ECCO LE DATE E COSA CAMBIA


La nuova campagna sarà lanciata in diversi flight fino al dicembre 2022 e seguirà alla comunicazione attivata a novembre 2020, firmata sempre da Pomilio Blumm, con spot tv, radio e su canali web, social e stampa, e che è stata accompagnata da un sito internet dedicato. 
Sarà utilizzato un media mix che comprenderà tutti i canali e si avvarrà della collaborazione con diversi testimonial: testate giornalistiche (quotidiane e periodiche) cartacee e web, YouTube, affissioni fisse e mobili (in particolare, nei centri commerciali in prossimità dei negozi di elettronica di consumo), canali online (siti commerciali, blog, social), emittenti radiofoniche con elevati ascolti.

L’investimento stimato per le campagne di comunicazione dal 2020 al 2022 è di un totale di 7,6 milioni di euro, con una ripartizione che prevede agli spazi tv il 40% del budget, alla radio il 15%, alla carta stampata il 35%, a web e social media il 7% e alle affissioni (in particolare digitali) il 3%. Il 2021 assorbirà la parte più consistente dell'investimento, con 4,1 milioni mentre per il 2022 saranno stanziati 1,7 milioni.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI