• Programmatic
  • Engage conference

11/06/2019
di Rosa Guerrieri

Messaggistica per le PMI: Amm ha comprato Cinevision

L’operazione rientra nell’ambito della strategia dichiarata dalla società in fase di quotazione: impiegare le risorse ottenute dall’IPO nella crescita del Gruppo, anche attraverso acquisizioni

amm.jpg

Amm SpA acquisisce Cinevision, società italiana specializzata nei servizi di messaggistica professionale riguardanti la clientela small business. Amm, player operante nel mercato del mobile marketing & services e del web advertising, quotato in Borsa sul mercato AIM Italia, ha siglato in data odierna l’atto per l’acquisizione del 70% del capitale di Cinevision Srl, mentre l’acquisto del restante 30%, ad un prezzo predeterminato, sarà realizzato entro il 31 dicembre 2019. Il controvalore complessivo dell’acquisizione è di 1,485 milioni di euro, suddivisi in 1.099.500 euro per il 70% del capitale e 385.500 euro per il restante 30%. Cinevision è attivo in Italia nel servizio di messaggistica professionale per le PMI e proprietario del marchio SmsMobile, attraverso cui offre ad aziende, enti e professionisti servizi di invio e ricezione SMS. Nel 2018 la società ha raggiunto una clientela business formata quasi esclusivamente da PMI e inviato 35 milioni di SMS a 1.300 anagrafiche uniche sulle oltre 8.000 registrate presenti nel proprio portafoglio. La società, nel 2018, ha registrato ricavi netti per 1,32 milioni di euro, un Ebitda pari a Euro 83.804 e un Utile ante imposte pari a Euro 59.751. L’operazione di acquisizione si inserisce nell’ambito della strategia dichiarata da Amm in fase di quotazione che prevede, tra l’altro, l’impiego di risorse finanziarie ottenute dall’IPO per la crescita del Gruppo attraverso l’acquisizione di aziende per il potenziamento dei servizi di messaggistica dedicati alla clientela small business per il segmento prepagato. Inoltre, l’incremento del numero di clienti attivi presenti nel portafoglio del Gruppo Amm permetterà di effettuare un’attività di cross selling di sistemi di automazione software da affiancare all’attività caratteristica dei servizi di invio sms. «L’acquisizione di Cinevision ci rende particolarmente soddisfatti e rappresenta uno step fondamentale per il rafforzamento del nostro Gruppo in particolare per il segmento Small Business con un marchio, SmsMobile, di valore a livello nazionale», commenta Omero Narducci, Presidente e Co-Amministratore Delegato di Amm. La storia di Amm è legata a quella del gruppo Aruba al quale è appartenuta sino al 2013 e di due manager, Omero Narducci e Riccardo Dragoni, attualmente presidente e ceo di Amm. In seguito la realtà è confluita in Mobyt, società di cui Omero Narducci e Riccardo Dragoni sono stati rispettivamente Ceo e Direttore Commerciale. Sotto la loro gestione Mobyt ha avviato un percorso di crescita che ha portato il gruppo, anche attraverso cinque operazioni di acquisizione di società operanti in settori affini (tra cui Skebby, Trendoo e Digitel Mobile), a più che raddoppiare i ricavi e a quintuplicare il margine operativo lordo. Mobyt, entrata in Borsa sul listino AIM nel 2015, è stata poi acquisita nel 2016 dal fondo di private equity britannico HGCapital, che ne ha deciso il delisting. A inizio 2018 Omero Narducci e Riccardo Dragoni hanno quindi rilevato Amm con l’intenzione di mettere in atto un percorso di crescita analogo a quello portato avanti da Mobyt sotto la loro gestione. Poi, ad aprile, lo sbarco in Borsa della società: «Con i proventi della quotazione intendiamo comprare altre società italiane operative nel mercato del web marketing e della messaggistica, in particolare realtà che lavorano con le piccole e medie imprese», aveva spiegato Dragoni in un'intervista rilasciata a Engage. E, per l'appunto, la prima acquisizione è arrivata.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI