• Programmatic
  • Engage conference

31/07/2020
di Caterina Varpi

Facebook, fatturato a +11% nel secondo trimestre 2020

La società di Mark Zuckerberg batte le attese di bilancio nonostante la pandemia. Utenti in crescita su tutte le piattaforme

Mark-Zuckerberg.jpg

Giornata di trimestrali per i due colossi globali della pubblicità online, Alphabet (ne parliamo qui) e Facebook, molto attese per valutare l'effetto della pandemia sulle rispettive attività.

Per quanto riguarda Facebook, i risultati nel secondo trimestre dell'anno hanno superato le attese della vigilia. La società di Mark Zuckerberg ha riportato utili netti per 5,18 miliardi di dollari,1,80 per azione, rispetto ai 2,62 miliardi, 91 centesimi per azione, dello stesso periodo dello scorso anno. 

Il fatturato è salito dell’11% a 18,69 miliardi di dollari dai 16,89 miliardi precedenti e meglio dei 17,34 miliardi stimati dal Consensus.

Dopo l'annuncio dei numeri di bilancio, il titolo di Facebook in Borsa ha visto un balzo di oltre il 7%. 

Untenti mensili e giornalieri in crescita per il lockdown

Aumentano gli utenti attivi mensili, che ora arrivano a 2,7 miliardi (erano 2,63 miliardi quelli previsti dal Consensus e 2,41 miliardi quelli del pari periodo dello scorso anno). Salgono anche gli utenti attivi giornalieri con un+ 12% a 1,79 miliardi (ne erano previsti 1,75 miliardi).

Questi numeri riflettono, secondo il report dell'azienda, una maggior partecipazione sui social delle persone bloccate a casa dalla pandemia. Per tale ragione, Facebook prevede una calo nell'ascesa degli utenti nel prossimo periodo soprattutto dove le restrizioni dovute alla pandemia saranno rimosse. 

Pubblicità in ascesa. Incertezza per il prossimo trimestre

Salgono anche le entrate pubblicitarie medie per utente, che sono superiori alla attese.

Nelle prime tre settimane di luglio, il tasso di crescita delle entrate pubblicitarie, su base annua, è stato in linea all’incirca con il tasso di crescita del fatturato del secondo trimestre, pari al 10%. Il social network prevede che, nel corso del terzo trimestre, il tasso di crescita delle entrate pubblicitarie sarà simile all’incirca alla performance di luglio. 

Il prossimo futuro potrebbe essere comunque influenzato negativamente, secondo la società, dalla continua incertezza macroeconomica

Tra i fattori che potrebbero impattare negativamente sui conti del prossimo trimestre, viene segnalato anche il boicottaggio che numerose aziende hanno intrapreso nei confronti della società, sospendendo gli investimenti pubblicitari sulla piattaforma in segno di protesta perché non si imopgnerebbe abbastanza per contrastare la pubblicazione di contenuti a sfondo razziale o comunque inneggianti l’odio (ne abbiamo parlato qui). Facebook dice infatti che l'effetto di questa iniziativa sui conti non sarà nota prima della pubblicazione del bilancio del terzo trimestre.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI