• Programmatic
  • Engage conference

di Simone Freddi

Nasce Spotify Audience Network, l’offerta pubblicitaria che unisce musica e podcast

spotify-1_254305.jpg

Spotify è al lavoro per integrare pienamente i podcast all’interno della propria offerta pubblicitaria. La compagnia leader nell'audio digitale ha annunciato che sta lanciando Spotify Audience Network, un nuovo marketplace pubblicitario che consentirà agli inserzionisti di raggiungere gli ascoltatori attraverso tutta la sua offerta di podcast e quella musicale, senza soluzione di continuità.

In particolare, il bacino di spazi pubblicitari di Spotify Audience Network includerà i podcast originali di Spotify (le serie "Originals" e "Exlusives"), quelli della piattaforma Megaphone, quelli creati con Anchor, oltre agli spazi pubblicitari inseriti tra i brani musicali di chi usa la versione gratuita dell'app.


Leggi anche: SECONDO IPSOS, AUMENTA L'APPEAL PUBBLICITARIO DEI PODCAST


La novità è stata annunciata dalla società nel corso di “Stream On”, l'evento in streaming organizzato da Spotify per illustrare le sue diverse novità in cantiere. Nel caso di Audience Network Spotify non ha fornito particolari dettagli sul suo fonzionamento, limitandosi a dire che si trova nelle prime fasi dello sviluppo. Nonostante questo la società ha parlato apertamente di un “punto di svolta” per la publicità nel digital audio, in particolare per i podcaster che vogliono monetizzare il proprio lavoro, e per gli inserzionisti che vogliono raggiungere continaia di milioni di persone su larga scala, dentro e “fuori da spotify”.

La società ha anche detto di essere al lavoro per inserire i podcast sulla sua piattaforma pubblicitaria self-service, Spotify Ad Studio, attualmente utilizzabile per raggiungere gli ascoltatori di musica su Spotify con pubblicità sia audio che video. Sono il corso i beta test negli USA, dove per ora l'offerta include i podcast originali di Spotify. I podcast di terze parti arriveranno successivamente. 


Leggi anche: SPOTIFY, PARLA IL NUOVO SALES DIRECTOR ALBERTO MAZZIERI


Inzia a prendere forma, dunque, la strategia della compagnia svedese per monetizzare i recenti investimenti nel settore dei podcast, tra i quali l'acquisizione per 235 milioni di dollari della piattaforma americana Megaphone. Non è del resto un mistero che il boom dei contenuti audio "on demand" registrato negli ultimi anni abbia aperto un nuovo mercato pubblicitario che fa gola a editori e inserzionisti. Lo scorso anno, gli annunci legati ai podcast dovrebbero aver generato introiti pubblicitari per circa un miliardo di dollari nel mondo, secondo stime di Pwc. 

La crescita del podcasting anche nel nostro Paese è confermata dall’Ipsos, che nella sua Digital Audio Survey 2020 ha segnalato una crescita di 4 punti percentuali nell’ultimo anno per gli ascoltatori di podcast, che sono arrivati al 30% degli adulti su base mensile. 

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI