• Programmatic
  • Engage conference

17/11/2020
di Alessandra La Rosa

Identity: Magnite supporterà Unified ID 2.0, l’alternativa “open” ai cookie terzi

Il framework cripta gli indirizzi email al fine di creare uno strumento comune, trasparente e sicuro per l’identificazione degli utenti tra i vari canali

magnite.jpg

Novità sul fronte identity per Magnite. La piattaforma sell-side di programmatic advertising ha annunciato che supporterà la soluzione di identity open-source Unified ID 2.0, in collaborazione con The Trade Desk e altre società dell’industria della pubblicità digitale.

Unified ID 2.0 è un framework aperto che si propone come alternativa ai cookie terzi, criptando gli indirizzi email al fine di creare uno strumento comune, trasparente e sicuro per l’identificazione degli utenti tra i vari canali. Magnite utilizzerà lo strumento e ne promuoverà l’adozione da parte degli editori.


Leggi anche: COOKIE DI PRIMA E TERZA PARTE. COSA SONO E COME FUNZIONANO


«Magnite e The Trade Desk condividono la convinzione che la prossima generazione dell’identity abbia bisogno di essere aperta e onnipresente, e di avere al centro la privacy degli utenti, la trasparenza e il controllo – spiega Tom Kershaw, Chief Technology Officer di Magnite -. Noi siamo fermi sostenitori di Unified ID 2.0 come soluzione di identity che possa lavorare su tutti gli ecosistemi digitali. È fondamentale che i partner della industry si uniscano attorno a uno strumento che sia un passo avanti rispetto ai cookie e consenta agli editori di tutte le dimensioni di costruire e mantenere la fiducia del loro pubblico”.


Leggi anche: GOOGLE DISMETTERÀ I COOKIE DI TERZE PARTI SU CHROME ENTRO DUE ANNI


Magnite adotta Unified ID 2.0: i vantaggi per brand e utenti

In una nota, Magnite sottolinea i vantaggi di Unified ID 2.0, non solo per i brand (“le richieste di annunci fatte utilizzando Unified ID 2.0 creeranno opportunità pubblicitarie più rilevanti, che è stato dimostrato portano a un aumento dei CPM”), ma anche per gli editori.

A questi, lo strumento offre “indipendenza” dai browser e dalle società produttrici dei dispositivi (OEM), “controllo” dei propri dati, “fiducia” degli utenti e “apertura” tramite un framework open source allineato con le soluzioni prebid.js e prebid.server.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI