• Programmatic
  • Engage conference

28/11/2022
di Andrea Di Domenico

Eikontech, approccio "olistico" al contextual targeting

La società di programmatic advertising supporta i suoi clienti con una tecnologia specifica che permette di gestire il targeting contestuale degli annunci a livello pre-bid

Giuseppe Astorino, Sales Director di EikonTech

Giuseppe Astorino, Sales Director di EikonTech

La società di ad-tech EikonTech, che offre a clienti e trading desk una gamma di soluzioni per il programmatic advertising tra cui la DSP di Zeta (ex Rocket Fuel/Sizmek), punta sul contextual targeting con Peer39, la soluzione per supportare i clienti nel pianificare strategie e campagne pubblicitarie di successo in un futuro cookieless.


Leggi anche: VERSO LE NUOVE FRONTIERE DEL COOKIELESS


Anche se Google ha annunciato un ulteriore rinvio al 2024 del blocco dei cookie di terza parte, i clienti sono sempre più alla ricerca di partner in grado di gestire efficacemente le campagne online senza l’ausilio dei cookie. EikonTech è in grado di supportarli grazie a una soluzione, Peer39, che è stata pioniera di un approccio olistico al targeting contestuale degli annunci pre-bid in grado di considerare l'ambiente oltre alle parole chiave, alle relazioni tra le parole, alle frasi, al sentiment e al significato.

EikonTech mette quindi a disposizione dei propri clienti, nel rispetto della privacy, tutti i dati necessari per garantire che gli annunci appaiano nel contesto più adatto, di qualità e pertinente. Ogni elemento tecnico delle pagine viene analizzato per classificarle, in tempo reale, sfruttando la potenza dell'intelligenza artificiale con l'elaborazione del linguaggio naturale (NLP) e l'apprendimento automatico (ML). L’analisi identifica l'argomento della pagina, il sentiment, la sicurezza, l'idoneità e i segnali generali della pagina, in qualsiasi lingua, su oltre 450 milioni di pagine giornaliere uniche a livello globale.

Il tool fornisce strumenti che consentono di creare categorie personalizzate in base alle proprie esigenze utilizzando parole chiave, frasi, safe from keywords e URL, oppure attingendo a centinaia di categorie predefinite raggruppate nei gruppi: standard (ad esempio legate a criminalità, contenuti per adulti o contenuti negativi sul coronavirus), per industry (categorie specifiche per evitare commenti negativi o notizie relative a un settore specifico come ad esempio compagnie aeree, automobili, abbigliamento, settore petrolifero, settore farmaceutico, ecc..) o infine personalizzate in base al brand, che impiegano quindi termini specifici del marchio o della concorrenza.

“Siamo orgogliosi di poter supportare i nostri clienti nel contextual targeting per garantire che gli annunci siano posizionati sulla pagina giusta, al momento giusto e di fronte al pubblico giusto, anche in vista di un futuro cookieless. Essere affiancati dal giusto partner è sempre più fondamentale per i brand che desiderano pianificare strategie e campagne pubblicitarie di successo e ottimizzare i propri investimenti”, ha commentato Giuseppe Astorino, Sales Director di EikonTech.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI