• Programmatic
  • Engage conference
  • Engage Play
23/12/2020
di Andrea Salvadori

Fcp Assointernet, a novembre la pubblicità digitale a +8,4%

Il dato progressivo relativo ai primi undici mesi dell’anno vede così il mercato registrare una contrazione del 3,2%

digital-advertising.jpg

Come preventivato lo scorso mese, anche a novembre le concessionarie italiane registrano un risultato positivo per quanto riguarda la raccolta pubblicitaria digitale. 


Leggi anche: I DATI E LE RICERCHE DEL 2020 


“Gli investimenti pubblicitari rilevati dalla società Reply nell’ambito dell’Osservatorio Fcp Assointernet registrano a novembre una crescita dell’8,4%, quinto risultato positivo consecutivo che consolida ulteriormente l’importanza del comparto digitale in un anno estremamente difficile e sfidante come questo 2020”, dice Giorgio Galantis, presidente di Fcp Assointernet. 


Leggi anche: FCP-ASSOINTERNET,: RICAVI PUBBLICITARI A +9,4% AD OTTOBRE. «TREND IN MIGLIORAMENTO A NOVEMBRE-DICEMBRE»


Il dato progressivo relativo ai primi undici mesi dell’anno vede così il mercato registrare una contrazione del 3,2%, a quota 388 milioni di euro (contro i 400 milioni dello stesso periodo del 2019) con un risultato in costante miglioramento negli ultimi cinque mesi. Questo trend proseguirà anche a dicembre, migliorando così ancora una volta il risultato annuale rispetto all’attuale dato progressivo.

Nel mese di novembre si consolida in termini di investimenti per device il buon risultato generato dagli smartphone, con una crescita del 9,9%. Il periodo cumulato gennaio-novembre si chiude così con un risultato positivo, +2,9%, a quota 142 milioni di euro. E' invece in calo del 7% la componente desktop/tablet a 234 milioni di euro.

A novembre risultano inoltre ampiamente in crescita sia i fatturati derivanti dalla fruizione in modalità “browsing” (+8,6%) sia tramite “app” (+ 4,6%).

[Clicca sull'immagine per ingrandire]

L’analisi per settore merceologico evidenzia quindi nel mese di novembre i positivi riscontri di Alimentari, Distribuzione, Farmaceutici, Finanza/Assicurazioni e Telecomunicazioni. «Questi ultimi tre settori marcano la propria crescita strutturale, esprimendo un segno positivo anche nell’andamento progressivo gennaio-novembre», conclude Giorgio Galantis.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI