• Programmatic
  • Engage conference

di Andrea Salvadori

FCP-Assointernet: ricavi pubblicitari a +9,4% ad ottobre. «Trend in miglioramento a novembre-dicembre»

Dopo il duro quadrimestre marzo-giugno, il settore è ripartito e chiude ora i primi dieci mesi dell'anno in calo del 5% a quasi 330 milioni di euro. Bene l'advertising sugli smartphone (+16,3%)

digital-advertising.jpg

Le concessionarie italiane chiudono il mese di ottobre con un risultato positivo per quanto riguarda la raccolta pubblicitaria digitale. Una boccata d’ossigeno per un mercato, quello della pubblicità considerato nel suo complesso, che continua a subire i contraccolpi della situazione di emergenza sanitaria e delle difficoltà economiche del paese. 


Leggi anche: NIELSEN, MERCATO PUBBLICITARIO DI NUOVO IN CALO A SETTEMBRE: -3,4%. BENE SOLO IL DIGITALE


A ottobre dunque, dice Giorgio Galantis, presidente di Fcp Assointernet, "gli investimenti pubblicitari rilevati nell’ambito dell’Osservatorio Fcp Assointernet registrano una crescita del 9,2%, quarto risultato positivo consecutivo e valore in ulteriore miglioramento rispetto all’incremento del 6,8% registrato nel mese di settembre".


Leggi anche: FCP-ASSOINTERNET, A SETTEMBRE PUBBLICITÀ IN CRESCITA DEL 6,8%


Dopo il duro quadrimestre marzo-giugno, segnato dalla pandemia e dal lockdown, il comparto digitale ha dunque dimostrato, dice ancora Galantis, «un’evidente capacità di reazione ed adattamento alle esigenze comunicative in un anno evidentemente complesso e caratterizzato da un’elevata volatilità. Il dato progressivo relativo ai primi dieci mesi dell’anno si attesta a quasi 330 milioni di euro, in calo del 5%, con un trend dunque in costante miglioramento che riteniamo possa trovare conferma negli ultimi due mesi dell’anno».

Nel 2019 il mercato rilevato dall’Osservatorio Fcp Assointernet ha chiuso con un giro d'affari di 430 miioni di euro e un incremento del 3,5% rispetto al dato dell'anno precedente. L'ultimo esercizio segnato da un calo degli investimenti pubblicitari sui mezzi digitali degli editori italiani è stato invece il 2016 (-2,3%).

Tornando al 2020, in termini di investimenti per device, anche ad ottobre spicca in particolare il fatturato generato dagli editori sugli smartphone, in aumento del 16,3% rispetto allo stesso mese del 2019, sottolinea l’Osservatorio Fcp Assointernet. Nei primi dieci mesi del 2020 la pubblicità sugli smartphone cresce dell’1,9% superando i 121 milioni di euro. Il consuntivo è positivo nel mese anche per i fatturati derivanti da una fruizione tramite “browsing” (+8,8%) e via app (+15,7%).

È in calo del 9,1% invece la pubblicità su desktop e tablet con un fatturato complessivo di 206 milioni di euro. 

Da un punto di vista dei settori merceologici, il mese di ottobre conferma le indicazioni emerse negli ultimi mesi, con un andamento positivo per diversi comparti che hanno infatti incrementato i loro investimenti pubblicitaria sul digitale.  

In particolare si sono distinti i settori Alimentari, Automobili, Farmaceutici, Finanza/Assicurazioni e Telecomunicazioni, con gli ultimi tre che confermano il segno positivo anche nell’andamento progressivo del periodo gennaio-ottobre.

Clicca sull'immagine per ingrandire.