• Programmatic
  • Engage conference

28/05/2021
di Teresa Nappi

Best in Media Communication: ecco le aziende che hanno comunicato meglio durante la pandemia

Abbvie, Acea, Autogrill, AXA, Enel, Generali Group, Generali Italia, MSD Italia, Open Fiber, Poste Italiane, SACE, Takeda Italia e Vodafone che hanno ricevuto la certificazione promossa da Fortune Italia e Eikon Strategic Consulting

Un momento della convention dedicata alle Best in Media Communication

Un momento della convention dedicata alle Best in Media Communication

Abbvie, Acea, Autogrill, AXA, Enel, Generali Group, Generali Italia, MSD Italia, Open Fiber, Poste Italiane, SACE, Takeda Italia e Vodafone: sono queste le aziende che, nell’anno del Covid sono state capaci di comunicare meglio.


Leggi anche: POSTE ITALIANE VINCE IL PREMIO “BEST IN MEDIA COMMUNICATION” PER LA CAMPAGNA INFORMATIVA NELL'EMERGENZA COVID-19


A decretarlo è il fatto che queste società siano state insignite, nella serata del 27 maggio, del BIC, Best in Media Communication, la certificazione ideata da Fortune Italia e Eikon Strategic Consulting.

Giunto alla seconda edizione, BIC ha visto, nel corso di una convention organizzata dal mensile diretto da Fabio Insenga, avvicendarsi le aziende certificate sul palco dell’auditorium RDS.

Hanno acquisito la certificazione nel 2021: BMW, Cassa Depositi e Prestiti, Illimity, INWIT, Iren, Italgas, Medtronic e Terna.

Cosa certifica BIC

Chiarezza e qualità dei contenuti, accessibilità e completezza delle informazioni: sono queste le grandi aree della comunicazione che BIC riesce a certificare, andando a colmare un vuoto che esisteva e che non rendeva possibile fino ad oggi misurare scientificamente e con un approccio multidimensionale le performance dei comunicatori.

Index di BIC integra 3 dimensioni chiave: la reputation, il posizionamento della singola azienda nei media ottenuto ponderando la visibilità dei singoli passaggi con il sentiment, il media impact assessment, che misura l'efficacia della comunicazione (impatto di comunicati stampa, peso delle interviste/dichiarazioni, gestione dei flussi in caso di crisi e il social media engagement dei canali aziendali), il media poll, risultato di una survey somministrata ai giornalisti dell'area di appartenenza dell'azienda in valutazione per esaminare la qualità dei contenuti e delle relazioni.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI