• Programmatic
  • Engage conference

24/11/2020

Mindshare rinvia Huddle al 2021 e promette una "edizione memorabile"

HUDDLE - DE AMICIS.jpg

Nel giorno dell'ufficializzazione della vittoria della gara media di Sace Simest (qui l'articolo dedicato), da Mindshare riceviamo e pubblichiamo una nota in cui la società di GroupM comunica le ragioni che l'hanno portata a rinviare all'anno prossimo il suo evento Huddle.

Il Covid-19 ha sconvolto le nostre vite, ha virtualizzato le relazioni, ha trasformato il nostro modo di lavorare, di collaborare, di imparare e di insegnare ed ora siamo in grado di fare “tutto” da remoto e di farlo benissimo.

“Per noi di Mindshare non è stato difficile, la nostra cultura è fondata sulla capacità di adattarsi, sulla velocità, sul lavoro di squadra e per questo ci siamo fatti trovare pronti. Come sempre eravamo già nel futuro”, commenta Roberto Binaghi, Chairman & Ceo di Mindshare Italia.

L’opportunità di fare networking con i clienti e il mercato è mutata e le occasioni di incontro fisico sono state sostituite da video-eventi molto funzionali ma spesso privi di vera chimica.

“Questa sarebbe stata, come ogni anno, la settimana del nostro Huddle, il non-evento riconosciuto come l’appuntamento autunnale atteso dai clienti e dalla media industry e una “versione virtuale” sarebbe stata come minimo scontata. – continua Binaghi - Tutti se l’aspettavano, ma in questo modo una giornata che si è sempre contraddistinta per il suo saper essere inconsueta e sfrontata, si sarebbe trasformata nell’ennesima presentazione online incasellata nelle agende, l’esatto opposto di quello che Huddle realmente è. Per questo motivo ci siamo fermati e a malincuore abbiamo deciso “di saltare un giro”.

Fisicità e confronto, divertimento e business in spazi condivisi per un appuntamento che si conferma un unicum nel nostro mercato.

Il nostro Huddle è contatto ravvicinato per condividere, stare insieme, incontrarsi, abbracciarsi, ispirarsi, ascoltare musica e bere un Campari prima di andare via. Tutte cose da vivere sulla propria pelle, non all’interno dello schermo del pc. A noi piacciono gli stadi pieni. Piace la musica dal vivo. Le pacche sulle spalle e le strette di mano, trovarsi spalla a spalla per scoprire che si può chiacchierare di business anche in presenza di un unicorno color porpora che ti accoglie all’ingresso degli uffici di Mindshare.  Per questo il nostro Huddle tornerà nel 2021 e sarà memorabile. Ve lo promettiamo”, conclude Binaghi.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI