• Programmatic
  • Engage conference

di Alessandra La Rosa

Bauli lancia lo spot di Natale firmato McCann. Planning anche su CTV e piattaforme di streaming

Il Media & Communication Manager Alberto Raselli: «Un omaggio all’unicità delle persone». Il media mix di Phd coinvolge televisione e digital

bauli.jpg

Quest’anno ricorre il primo centenario di attività di Bauli, e considerando che il Natale è da sempre il suo momento “clou”, il brand veronese di prodotti dolciari non poteva esimersi dal lanciare per queste festività “doppiamente speciali” una nuova grande campagna pubblicitaria.

Una campagna che, come ci spiega Alberto Raselli, Media & Communication Manager di Bauli Group, vuole «rappresentare i valori della società di oggi», e in particolare «rendere omaggio all’unicità delle persone, senza rappresentazioni stereotipate. Le Feste vengono infatti vissute in modo diverso a seconda della personalità di ciascuno e non è detto che l’immagine della famiglia riunita attorno all’albero di Natale rappresenti tutti. Abbiamo voluto offrire un’immagine che rappresentasse spaccati di vita vera, che diventano protagonisti di storie emozionanti ma sempre vicine alla quotidianità vissuta da tanti di noi.»

Un filone iniziato nel 2017 con “Due Sorelle”, vero e proprio mini-film firmato da Paolo Genovese, e poi proseguito con la rappresentazione di una famiglia moderna ne “Il piano di Giacomo” (2018 e 2019), fino ad arrivare agli spot realizzati con i contributi video dei consumatori nella campagna “A Natale Puoi” (2020 e 2021). E che ora prosegue con un nuovo spot, dal titolo “C’è un Natale per ognuno di noi”.


Leggi anche: TUTTI GLI ULTIMI SPOT BAULI


«Siamo partiti da un concept davvero originale, che rispecchiasse il percorso intrapreso negli ultimi anni e che restituisse, appunto, quell’idea di verità e trasparenza a noi cara – racconta Raselli –. Il Natale, infatti, non è uguale per tutti. Non è detto che la sua atmosfera gioiosa, affollata e variopinta debba essere vissuta proprio da tutti allo stesso modo. È quello che sembra chiedersi Bianca, la giovane protagonista dello spot, mentre esce di casa la sera della Vigilia: vestita di nero come sempre, la playlist preferita a tutto volume nelle orecchie e poca voglia di seguire il copione natalizio, fatto di acquisti, regali e… parenti. Di tutt’altro avviso e umore invece, è il suo fratellino più piccolo, visibilmente elettrizzato per tutto ciò che questa magica festa porta con sé. Sarà proprio uno dei suoi simboli più classici, il Pandoro, a ispirarlo e a permettergli di coinvolgere Bianca in un Natale che, stavolta, somiglierà un po’ anche a lei: è sufficiente un pennarello nero per trasformare l’iconica confezione lilla del Pandoro di Verona Bauli in un dono capace di rendere felice anche la sorella maggiore.»

A fare da sottofondo allo spot è un originale arrangiamento della canzone “A Natale Puoi” di Francesco Vitaloni, storico accompagnamento delle campagne pubblicitarie Bauli e entrato ormai nell’immaginario collettivo come grande classico delle festività natalizie.

Nello spot, indossato dal fratellino di Bianca, anche il pigiama limited edition che Bauli ha realizzato in collaborazione con Tezenis, acquistabile in oltre 350 punti vendita Tezenis in tutta Italia e online.


Leggi anche: TUTTI GLI SPOT DI NATALE


La campagna, anticipata da un teasing online partito alla fine di novembre, dal 1° dicembre godrà di una diffusione a livello multimediale: sarà infatti in tv per circa tre settimane, alternando due diversi formati (30” e 15”), sia sulla TV lineare che sulle Connected TV, oltre a diverse piattaforme di streaming. Parallelamente gli spot in tutti i formati (60”, 30” e 15”) verranno pubblicati sui canali proprietari del brand (Youtube, Facebook e Instagram), e verrà avviata una strategia social a supporto, con contenuti inediti.

«Nonostante la TV lineare rimanga il mezzo comunicativo a maggiore copertura – spiega il Media & Communication Manager –, abbiamo deciso di presidiare anche le TV connesse, in grado di intercettare un target difficilmente raggiungibile dalla prima tipologia: quello dei giovani (25-34), con una reach in target del 12,7%. Il digital, inoltre, rimane per noi imprescindibile anche per andare a segmentare il nostro target in modo sempre più preciso: per questo anche quest’anno affiancheremo alla TV anche una programmazione legata alle TV connesse e ai social media.»

La campagna porta la firma di McCann Worldgroup Italia, con la produzione di Mercurio, mentre della pianificazione si è occupata Phd, e Noesis Group ha curato le attività di PR e digital PR. Tutte agenzie con le quali il brand collabora da tempo.

Di seguito lo spot.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI