• Programmatic
  • Engage conference

10/11/2020
di Cosimo Vestito

Say What lancia la Digital Content Unit. La divisione già impegnata in alcune gare

Cristina Pasquini, Senior Account Manager: "L’obiettivo è crescere, in tutti i sensi, per chiudere in attivo a fine 2021"

Cristina Pasquini, Senior Account Manager di Say What

Cristina Pasquini, Senior Account Manager di Say What

L'agenzia indipendente Say What lancia la sua Digital Content Unit. Un mix di vocazione strategica e creativa, descrive la nota, che si innesta in un’esigenza di mercato sempre più forte, ovvero la necessità di creare contenuti digitali ad alto valore tecnologico, in grado di proporre ai brand uno storytelling efficace, completo e costruttivo sul futuro. Alla guida della divisione lo stesso Alberto Scarpetta, fondatore e Ceo di Say What, insieme al management dei reparti Comunicazione e Marketing Strategico.

“Ne abbiamo viste tante e abbiamo lavorato a fianco dei nostri clienti per superare le crisi che la nostra società ha attraversato negli ultimi anni. Il nostro ruolo di partner e di consulenti, nel quale crediamo da sempre, ci ha imposto di fare questo passo importante per supportare le aziende con una comunicazione diversa e aderente allo scenario mutato. Ogni momento è un’opportunità, e questa l’abbiamo colta a piene mani”, dichiara Cristina Pasquini, Senior Account Manager di Say What.

L’expertise del management della struttura composta da talenti femminili, ha permesso di sviluppare questa nuova divisione, accelerando un processo di cambiamento iniziato tempo fa. I principi fondanti sono l’attenzione al cliente e alle esigenze di un mercato in continua evoluzione, che richiede la trasformazione delle idee in contenuti e storie digitali sempre meglio fruibili per il web e per il target di riferimento.

Unito a questi, la flessibilità di un approccio creativo e proattivo di una squadra che collabora con figure esterne quali fotografi, stylist e video maker provenienti da diversi mondi, che forniscono un supporto modulabile a seconda della richiesta e confermano l’attenzione e la ricerca costante di Say What nei confronti dei talenti esterni.

Rafforzato anche il reparto di Art Direction interno, che cura tutta la strategia visiva dei progetti aperti e in costruzione.

La divisione parte con diversi clienti attivi e appartenenti a settori diversi. “Siamo impegnati anche su diversi progetti di gara, e facciamo ora il nostro debutto ufficiale in società. L’obiettivo è crescere, in tutti i sensi, per chiudere in attivo a fine 2021", conclude Pasquini.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI