• Programmatic
  • Engage conference

20/06/2018
di Lorenzo Mosciatti

Teads lancia inRead AR, il primo outstream video con realtà aumentata

La nuova soluzione, disponibile attraverso Teads Studio, permetterà presto agli utenti di interagire con il brand direttamente all’interno dell’annuncio. L’integrazione della Ar è resa possibile grazie alla partnership con DeepAR

Bertrand Cocallemen

Bertrand Cocallemen

Teads continua ad investire in innovazione e, dopo essere stata nel 2017 la prima società ad integrare i chatbot all’interno di annunci video e aver annunciato di recente la nuova offerta a performance guidata dall’AI, Teads True Visits, presenta ora al mercato inRead AR. Teads ha presentato a Cannes, in occasione del Festival Internazionale della pubblicità, la prima versione dimostrativa del suo nuovo formato outstream video con realtà aumentata. inRead AR è stato lanciato tramite due demo create per Burger King e per Ray Ban. inRead AR sarà disponibile attraverso Teads Studio nelle prossime settimane e consentirà ai brand di far leva sulla potenza della realtà aumentata per creare annunci altamente ingaggianti e interattivi. Il formato permette agli utenti di interagire con un annuncio in realtà aumentata, per esempio “indossando” un nuovo paio di occhiali da sole. Non è necessario scaricare un’app, dal momento che tutta l’interattività prende vita all’interno dell’ad unit di inRead AR, su browser mobile o desktop. Rayban VR Demo from Teads on Vimeo. L’integrazione della realtà aumentata è resa possibile grazie alla partnership con DeepAR, un team di ingegneri, ricercatori provenienti dal MIT, 3D designer con precedenti esperienze in Candy Crush e Dreamworks. Grazie a questa partnership, i designer e il dipartimento creativo interno di Teads potranno utilizzare la realtà aumentata di DeepAR con l’SDK di face-tracking per valorizzare l’esperienza pubblicitaria. “La realtà aumentata è entrata a far parte dell’immaginario comune grazie ad app come Pokemon Go, che ha portato le persone ad avere sempre più familiarità con questa tecnologia", commenta  Bertrand Cocallemen, Global Creative Director di Teads Studio. "inRead AR offrirà ai brand l’opportunità di interagire con i consumatori in modo molto più profondo e più personale, rendendo la pubblicità ancor più emozionante". Emi Gal, CEO di Teads Studio & CMO di Teads, aggiunge: “Ora più che mai, la pubblicità ha la necessità di colpire e sorprendere i consumatori. Questo formato permette ai brand di interagire con l’utente in modo creativo e ludico, creando esperienze divertenti e memorabili che producono risultati.” inRead AR sarà disponibile per brand e agenzie a partire dalle prossime settimane. Con inRead AR, brand e advertiser avranno accesso alla piattaforma di Teads che vanta una audience reach di 1,2 miliardi di visitatori unici al mese, di cui 800 milioni su mobile. Secondo comScore, la reach globale di Teads super quella di Oath, Adap.tv, Brightroll, Tobemogul di Adobe e SpotX di Bertelsman. In molti Paesi, incluso il Regno Unito, la reach potenziale della società (ovvero la reach mensile deduplicata dei propri publisher) supera quella di Facebook ed è alla pari di quella di Youtube.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI