• Programmatic
  • Engage conference

13/05/2021
di Simone Freddi

Mondadori, la raccolta pubblicitaria cresce del 3,2% nel primo trimestre

Per il gruppo di Segrate guidato dall'a.d. Antonio Porro, l’incidenza dei ricavi digitali sul totale del fatturato advertising si attesta ormai al 66% del totale

Antonio Porro, Amministratore Delegato del Gruppo Mondadori

Antonio Porro, Amministratore Delegato del Gruppo Mondadori

Continuano a migliorare i conti della Mondadori: nel primo trimestre dell'anno, il gruppo di cui è a.d. Antonio Porro ha registrato ricavi consolidati per 144,8 milioni di euro, in incremento del 7% rispetto ai 135,3 milioni di euro dell’esercizio precedente grazie in particolare alla significativa crescita dell’area Libri trainata dal dinamismo del mercato nella prima parte del 2021.


Leggi anche: CON ADKAORA E HEJ!, MONDADORI AFFILA LE ARMI NEL TECH ADVERTISING


Per quanto riguarda l'area Media, cui fanno capo i periodici e le attività digitali, il primo trimestre si è chiuso con ricavi per 46,8 milioni di euro, in calo del 7,5% rispetto al pari trimestre dell’esercizio precedente, a causa in particolare delle perduranti difficoltà della stampa periodica.

In controtendenza le attività digitali, che rappresentano circa il 17% dei ricavi complessivi dell’area. Queste hanno mostrato, nel trimestre, una crescita significativa pari al 36%, favorita anche dal consolidamento di Hej!, la società attiva nel segmento del tech advertising acquisita nel 2020.

A segno più la raccolta pubblicitaria: i ricavi della attività legate all'advertising sono risultati complessivamente in crescita del 3,2%, grazie al contributo della raccolta sui brand digitali (+18,2% a perimetro omogeneo) e al business della neo acquisita Hej! che hanno più che compensato la contrazione della raccolta print (-31%). L’incidenza dei ricavi digital sul totale dei ricavi pubblicitari si attesta ormai al 66% del totale, dal 48% del primo trimestre 2020.


Leggi anche: MONDADORI, COSA C'E' DIETRO IL SUCCESSO SUI SOCIAL


Sulla scorta dei dati registrati nel primo trimestre, la società ha confermato le prospettive positive per il 2021: nell'intero anno il gruppo prevede ricavi in crescita low single digit, marginalità nell’intorno del 12% e utile netto in forte crescita, anche per effetto di componenti straordinarie.

Nella conference call di presentazione dei dati trimestrali l'a.d. Antonio Porro ha inoltre ribadito la volontà dell'azienda, che negli scorsi giorni ha sottoscritto con un pool di 4 banche una nuova linea di finanziamento da 450 milioni di euro con condizioni economiche particolarmente vantaggiose, di crescere per linee esterne, con focus sulle aree strategiche dei libri e del media digitale.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI