• Programmatic
  • Engage conference

24/11/2022
di Simone Freddi

Azerion acquisisce il 100% di Adplay e rafforza la presenza nel digital advertising in Italia

Il gruppo olandese compra la società fondata da Alberto Gugliada e Marco Valenti e amplia l'offerta nel segmenti Connected TV e DOOH

azerion-adplay.jpg

Il gruppo olandese Azerion, in forte espansione, ha annunciato l’acquisizione del 100% di AdPlay, la società fondata da Alberto Gugliada e Marco Valenti specializzata in digital transformation, media innovation, advertising e tecnologia.

Con questa operazione di mercato (la seconda nel giro di poco più di un mese annunciata nel nostro Paese, dopo quella relativa a Take Rate) Azerion rafforza ulteriormente la sua presenza nel settore italiano della pubblicità digitale, dove peraltro era già molto attiva grazie alle tante acquisizioni operate negli ultimi anni a livello internazionale, tra cui (per citarne alcune) AdUxWidespaceSublime e Improve Digital.

I dettagli dell’operazione e il ruolo di Gugliada e Valenti

L’accordo è stato trovato sulla base di un mix di “cash & shares” e riguarda la totalità del capitale di AdPlay (detenuta al 48% dai founder Alberto Gugliada e Marco Valenti, al 48% dagli azionisti di Broadbandy, con cui AdPlay aveva recentemente unito le forze, e al 4% da Lorenzo Cocco), con Gugliada e Valenti che parteciperanno attivamente ai progetti di Azerion in Italia, entrando a far parte di un team che vede Nicolò Palestino e Carlo Poss detenere il ruolo di Country Manager.

Marco Valenti avrà in particolare la carica di Product & Innovation Director oltre che quella di General Manager di Veedly, la giovane soluzione dedicata alla distribuzione di contenuti multimediali on demand dal mondo dello sport che collabora già con varie leghe sportive italiane (ne abbiamo parlato qui). Il marchio Adplay sarà assorbito da Azerion, mentre continuerà ad esistere solo il brand Veedly (an Azerion company). 


Leggi anche: LEGA SERIE A GUARDA AL TARGET GIOVANE CON VEEDLY


“Una visione sul futuro condivisa ed un approccio al mondo del digital veloce e concreto ci hanno convinti subito a diventare parte di un gruppo internazionale che condivide molti dei nostri ideali”, ha detto Marco Valenti. “Un ringraziamento speciale va ai soci, a tutti i dipendenti, i partner e i clienti che hanno creduto in noi. Sono certo che tutti insieme contribuiremo alla crescita ulteriore e significativa di Azerion in Italia accelerando così lo sviluppo locale ed internazionale dei nostri progetti”, ha aggiunto Alberto Gugliada.

Azerion integrerà le soluzioni cross-media digitali di AdPlay (circa 12 milioni di euro di fatturato lordo nel 2021), gruppo che rappresenta in esclusiva alcuni top publisher italiani oltre ad essere pioniera del mercato Digital Out of Home. La società fondata da Valenti e Gugliada aveva inoltre di recente acquisito gli asset di Broadbandy - del Gruppo Connetty - allargando il perimetro della sua offerta anche al mondo dell’Addressable TV (ne abbiamo parlato qui).

La crescita internazionale di Azerion

Con l’acquisizione di AdPlay, Azerion prosegue la sua rapida strategia di crescita per linee esterne: solo quest’anno, la società olandese ha aggiunto al proprio perimetro un fatturato annuo stimato tra i 100 e i 125 milioni di euro.

"Il team di AdPlay si integra perfettamente con la cultura di Azerion e la sua esperienza e conoscenza del mercato locale contribuiranno ad aumentare la nostra capacità di aiutare i clienti italiani a ottenere i risultati desiderati a seconda del loro budget. Sono altresì entusiasta di dare il benvenuto ai partner italiani di Adplay nella piattaforma di Azerion e di far crescere assieme il nostro business, oltre ad ampliare la nostra offerta di Connected TV e digital Out of Home nel mercato locale", ha detto il Co-Ceo Umut Akpinar.

Mentre Nicolò Palestino, Country Manager Azerion Italy, ha concluso: "Siamo entusiasti di annunciare l’ingresso di Adplay in Azerion e di dare il benvenuto ai nuovi colleghi. Questa operazione è stata strategica non solo per arricchire la proposizione sul mercato italiano ma anche per le competenze e l’energia che i manager e il team aggiungeranno al progetto Azerion”.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI