• Programmatic
  • Engage conference

01/12/2022
di Francesco Leone

Ecommerce, tra tecnologia e strategie di marketing: la roundtable di Digital Mao

Dal mondo retail, agli store fino al social commerce: il focus dell’agenzia sulle soluzioni alle criticità riscontrate dalle aziende nel web marketing

Una roundtable in cui professionisti del settore si sono confrontati su criticità e dinamiche dell'industry dell'ecommerce, un incontro volto anche a ricercare le soluzioni più adatte, sia dal punto di vista della tecnologia sia dal punto di vista strategico, per soddisfare le necessità delle aziende del retail e dei loro clienti. Digital Mao, agenzia dedicata allo sviluppo di soluzioni di ecommerce, ha fatto dunque non solo da organizzatore, ma da guida, grazie alla sua esperienza e al suo punto di vista privilegiato sulle tendenze del settore.

"Noi aiutiamo le aziende a capire come posizionarsi online, ovviamente lo facciamo da Shopify partner, questa è la tecnologia che abbracciamo e che abbiamo scelto, però l'idea è quella di supportarli ridefinendo quello che è la navigazione, la struttura del loro store, in modo da farli concentrare in realtà sul business e non solo su tutte le problematiche legate alla tecnologia" ha riferito ai microfoni di Engage, Martina Cuman, Co-Founder & Sales Director di Digital Mao.

Pensare al cliente non è una novità in questa industry, ma elaborare strategie per l'engagement e capitalizzare dalla propria community è un elemento fondamentale per portare avanti un percorso strutturato nel digital marketing, soprattutto quando i valori del brand si riflettono negli acquirenti più fidelizzati.

Lo sa bene Andrea Lodigiani, Co-Founder & CEO di Mulac Cosmetics, che ha dichiarato: "Per noi è fondamentale il concetto di community, siamo partiti dall'influencer marketing e abbiamo costruito una beauty community di appassionati che seguono il brand soprattutto per quelli che sono i valori del marchio, valori comunque identificativi e le persone che fanno parte di questa community si identificano al 100% in quelli che sono i nostri valori che abbiamo sempre portato avanti come brand".


Leggi anche: DIGITAL MAO FIRMA IL NUOVO ECOMMERCE DI CITRUS L’ORTO ITALIANO


Dalle community ai touchpoint che ancora non sono digitalizzati: una priorità per tutte quelle aziende che cercano la personalizzazione nelle esperienze di acquisto proposte ai propri clienti, non solo live chat, video e live streaming ma vere e proprie declinazioni del mondo virtuale nell'ambiente fisico.

A tal proposito si è espressa Beatrice Albertini, Head of Digital Marketing di Nouba: "Mi piacerebbe appunto esplorare la possibilità di avere un retail fisico, e quindi di traslare l'esperienza che viene fatta a livello interattivo online anche in uno store, creare una sorta di Nouba House che possa accogliere le persone e fargli vivere delle esperienze a 360% gradi, sensoriali o di supporto al trucco, esperienze di make up session, un hub dove la community possa ritrovarsi e partecipare a delle esperienze uniche".

E se da una parte i brand cercano di trasportare le modalità digitali in ambienti fisici dall'altra le strategie si differenziano, non solo nella user experience online ma anche nelle configurazioni dei prodotti, una vera e propria trasformazione digitale di processi che prima erano parte integrante del lavoro che le aziende portavano avanti offline.

"Il gamechanger di questo aspetto è il nostro configuratore, è stato il primo al mondo per gioielli in 3D ed è un pezzo di tutto il nostro processo produttivo e creativo, offre sia la possibilità ai nostri utenti di creare un gioiello personalizzato, ma agevola noi nel flusso di creazione di questo gioiello, siamo andati a digitalizzare un aspetto che storicamente facevamo offline" così Lorenzo Bernini, Digital Marketing Manager di Nove25.

Le nuove opportunità commerciali passano sicuramente per l'ecommerce, il social commerce e tutte le sue declinazioni, ma a volte i dati, soprattutto quando si tratta di accaparrarsi il target delle nuove generazioni, ci raccontano qualcosa di diverso: proprio secondo una ricerca di Shopify, infatti, l’81% della GenZ in US preferisce acquistare in-store per scoprire nuovi prodotti. Da qui il dibattito, l'online sostituirà mai del tutto la shopping experience fisica?

La risposta arriva direttamente da Luca Sabbatini, CEO di Elchim: "Non penso onestamente che questo mercato dell'ecommerce andrà a sostituire completamente l'offline, ma riusciremo con questi nuovi mezzi a raggiungere una platea più ampia e anche andare a soddisfare quelle aree che non sono attualmente coperte dai nostri distributori tradizionali".

Fisico e virtuale, dunque, sono destinati a convivere, un binomio che grazie all'esperienza delle agenzie specializzate traccia la rotta del futuro della industry in cui le aziende si districheranno lungo i nuovi trend del mercato.

Alla roundtable di Digital Mao hanno partecipato anche Salvatore Gnoni, Brand Manager di MaiMai, e Davide Tarabelloni, Founder, e Nicolò Rossi, Co-Founder & Brand Manager di Urkell.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI