• Programmatic
  • Engage conference

18/06/2020
di Lorenzo Mosciatti

ViacomCBS: esce Andrea Castellari, arriva Jaime Ondarza

Nuove sfide professionali per il manager che ha portato il gruppo in Italia, mentre l'ex Turner-Warner Media assume la guida del nuovo South Hub. Alberto Carrozzo è Country Manager per l’Italia

Jaime Ondarza

Jaime Ondarza

Cambio ai vertici di ViacomCBS.

Arriva nel gruppo televisivo Jaime Ondarza, il manager operativo da quasi 20 anni in casa Turner-Warner Media (è stato tra l'altro il fondatore in Italia del canale Boing), ed esce invece Andrea Castellari, alla guida di ViacomCbs dall'ingresso della società nel mercato italiano. Contestualmente Alberto Carrozzo, già nel gruppo, prende il ruolo di Country Manager per l’Italia.

Jaime Ondarza assume la guida del nuovo South Hub di ViacomCBS Networks International (VCNI), che comprende Italia, Francia, Iberia, Medio Oriente, Grecia e Turchia, con l'incarico di Executive Vice President e General Manager. E riporta da oggi a Raffaele Annecchino, Presidente, ViacomCBS Networks Europa, Medio Oriente, Africa e Asia. Ondarza, si legge nella nota stampa, avrà il compito di ottimizzare i processi operativi, massimizzare le sinergie tra i diversi paesi e individuare nuove opportunità commerciali.

Una nuova piattaforma streaming internazionale

AI nuovi manager spetterà ora il compito di portare avanti i piani di sviluppo di ViacomCBS in particolare nell'arena delle piattaforme digitali. ViacomCBS è il nuovo brand societario assunto dalla società dopo la fusione tra Viacom e CBS. Una fusione realizzata soprattutto con l'intento di permettere alla società di competere ad armi pari con gli altri colossi della produzione e dello streaming di contenuti video, come Disney, Netflix, Comcast, Amazon Prime Video e WarnerMedia.

Proprio oggi la multinazionale ha tra l'altro annunciato, tramite il suo Ceo Bob Bakish, il varo di una nuova piattaforma streaming internazionale a pagamento. Un servizio al via in anteprima quest'estate negli Stati Uniti in vista del lancio definitivo programmato nel 2021, un progetto per il quale è prevista l'estensione anche in altri mercati internazionali. Di recente inoltre la multinazionale ha investito in Blockgraph, una joint venture con Comcast e Charter Communications realizzata con l'intento di sfruttare al meglio le potenzialità pubblicitarie delle tv connesse via internet e dei video online.

Il business in Italia

Il gruppo edita in Italia canali televisivi come Paramount Network, Spike, VH1 e Super! sul digitale terrestre gratuito, e Mtv, Comedy Central, Nickelodeon, NickJr sulla piattaforma Sky. Nel 2018 ViacomCBS ha fatturato 80,4 milioni di euro nel nostro mercato (di cui circa 60 milioni grazie alla pubblicità), registrando una crescita del 18,4%.

Dall'inizio di quest'anno la società ha cambiato la strategia sul fronte della raccolta e ha deciso di affidarsi ad una concessionaria esterna, ovvero Sky Media, mentre prima se ne occupava direttamente. ViacomCBS è inoltre azionista in Italia con uno quota del 30% di Rainbow. il celebre studio di animazione fondato da Iginio Straffi, ed è socio anche della società società di produzione 360° Playmaker.

Il curriculum di Jaime Ondarza

Ondarza entra in ViacomCBS Networks International portando con sé un’esperienza internazionale di oltre 22 anni nel settore dei media e dell'intrattenimento. Ondarza ha infatti ricoperto ruoli manageriali di lunga data in diverse aziende del settore, come Warner Media, in qualità di Senior Vice President and Managing Director Southern Europe & Africa, e Boing. Fu proprio Ondarza a fondare Boing, il canale free destinato ai kids nato dalla JV tra Mediaset e Warner Media: a seguito degli ottimi risultati ottenuti in Italia, Boing venne successivamente lanciato anche in Spagna e Francia. Ondarza è stato inoltre responsabile del lancio dell'app Boing, primo servizio di streaming Avod del gruppo Warner Media progettato per famiglie.

“Sono felice di dare il benvenuto a Jaime nell'azienda e nel nostro team. Jaime porta con sé una vasta conoscenza del panorama editoriale e commerciale, oltre a una solida esperienza nella gestione di diversi mercati all'interno di questo settore", afferma Raffaele Annecchino. “Questo è un momento chiave per noi, poiché stiamo puntando sulla trasformazione digitale e sfruttando a pieno la forza del nostro portfolio. Sono certo che Jaime contribuirà in maniera decisiva durante questa fase, posizionando efficacemente ViacomCBS sul mercato mirando a una crescita strategica a lungo termine”.  

"È un privilegio per me assumere questo ruolo", commenta Ondarza. "ViacomCBS Networks International ha un portfolio incredibile e non vedo l'ora di sfruttare tutte le potenzialità di questi brand, rafforzando le partnership già esistenti e creando nuove opportunità di business.”

Alberto Carrozzo Country Manager per l’Italia

Alberto Carrozzo prende quindi il ruolo di Country Manager per l’Italia. Carrozzo, che riporterà a Jaime Ondarza, avrà il compito di supportarlo nelle operazioni locali e per tutto ciò che riguarda il business sul mercato italiano. Raffaele Annecchino

Alberto Carrozzo (nella foto qui sopra) entra a far parte del gruppo MTV/Viacom nel 2007 ricoprendo negli anni diversi ruoli, tra cui Director Financial Planning & Analysis nel cluster Southern and Western Europe, Middle East and Africa e in seguito VP Finance & Strategy di VIMN Italia, Middle East e Turchia, occupandosi del coordinamento dell’area finanziaria e amministrativa di questi mercati.

Nuove sfide professionali per Andrea Castellari

A seguito di questi cambiamenti, Andrea Castellari ha deciso di lasciare la carica di Executive Vice President e General Manager di ViacomCBS Networks Italia, Medio Oriente e Turchia per seguire nuove sfide professionali.  Annecchino aggiunge: "Siamo dispiaciuti di salutare Andrea Castellari che ha deciso di lasciare ViacomCBS per intraprendere altre strade. Voglio ringraziare Andrea per il suo contributo nell’espandere il nostro business in queste regioni. Andrea, che è entrato in ViacomCBS 7 anni fa, ha avuto un ruolo fondamentale nello sviluppare il nostro business in Italia ed ampliare la distribuzione del nostro portfolio in Turchia e Middle East. È sempre triste salutare un leader come Andrea e gli auguro tutto il meglio per il futuro”.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI