• Programmatic
  • Engage conference
08/11/2021
di Lorenzo Mosciatti

I quattro nuovi azionisti della media platform Will arrivano dal team

Bianca Del Balzo, Silvia Boccardi, Riccardo Haupt e Francesco Oggiano investono nella startup giornalistica fondata all’inizio del 2020 dal Chief Executive Officer Alessandro Tommasi

Alessandro Tommasi, Ceo e fondatore di Will

Alessandro Tommasi, Ceo e fondatore di Will

Dal team al capitale. Sono quattro gli autori della redazione di Will, startup giornalistica fondata all’inizio del 2020 dal Chief Executive Officer Alessandro Tommasi, che hanno scelto di investire economicamente nella società, diventandone così ufficialmente key partner. 

Con questa operazione i quattro membri del team, ora soci operativi, Bianca Del Balzo, Silvia Boccardi, Riccardo Haupt e Francesco Oggiano, manifestano non solo il convincimento di lavorare in Will, ma anche la condivisione dei valori e della direzione imprenditoriale che anima e fa crescere la media platform, che alle soglie della chiusura dell’anno fiscale, il suo secondo di vita e il primo di completa operatività, può già festeggiare ricavi più che triplicati rispetto al 2020.

L’ingresso dei quattro key partner rientra in un piccolo aumento di capitale, di poco superiore a 700mila euro, che si è concluso a fine estate. Un round di finanziamenti, a cui hanno partecipato anche i soci già esistenti di IS media, che ha permesso di raggiungere un assetto inedito e nuovi equilibri nella compagine societaria. 

«In Will al momento ci sono almeno tre cose di cui gioire», spiega il Ceo Alessandro Tommasi. «La prima è la nostra spasmodica attenzione al prodotto editoriale, confermata dall’ingresso di quattro autori chiave all’interno della compagine societaria. La seconda è la condivisione valoriale di chi si è unito a Will come collaboratore e oggi entra a pieno diritto tra i soci. Infine, i risultati economici che abbiamo ottenuto e che ci prospettano un finale di anno molto positivo e di sostanziale equilibrio, un fatto piuttosto raro nel mondo dei media e ancora di più in quello delle startup».
 

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI