• Programmatic
  • Engage conference
14/11/2022
di Teresa Nappi

Influence Day: si chiude la prima edizione dell'evento targato Flu

Gli influencer più creativi e innovativi d’Italia sono stati premiati agli Inda Awards e hanno portato contenuto e valore all’evento dedicato alla Creator Economy andato in scena nel corso della Milano Digital Week 2022

Influence-Day-2022-Flu.png

Si è svolta il 10 novembre la prima edizione di Influence Day, l’evento, parte della Milano Digital Week 2022 ideato da Flu (business unit di Uniting Group) e patrocinato dal Comune di Milano, nato con l’obiettivo di accendere i riflettori su ogni aspetto del mondo dell’influencer marketing.

Tanti gli ospiti che hanno animato la giornata di lavori che ha visto alternarsi durante l’Inda Conference 14 round-table, panel e keynote speech tematici nella cornice del ‘Magna Pars’ di Milano, arricchita di una parte esperienziale attraverso l’Inda Metaverse, la realtà virtuale sviluppata ad hoc per l’occasione grazie alla collaborazione del Technical Partner TechStar.

Il comparto dell’influencer marketing in Italia vale ormai quasi 300 milioni. Per questo motivo crediamo sia fondamentale avere un appuntamento di riferimento dedicato al confronto tra creator, aziende e istituzioni sul ruolo e il valore della Creator Economy, per raccontarne il dietro le quinte insieme ai suoi protagonisti - afferma Giancarlo Sampietro, Chief Business & Innovation Officer di Uniting Group e Founder & Ceo di Flu -. Da queste premesse è nato Influence Day, che già in questa prima edizione ha registrato un grande apprezzamento da parte di tutti i player coinvolti, confermandoci la bontà del percorso intrapreso”.

Tantissimi sono stati i nomi di spicco che hanno animato la conferenza: da Gabriele Vagnato, comico e creator con oltre 4 milioni di follower, allo youtuber vincitore dell’Isola dei Famosi Awed e Marco Cartasegna, Founder e direttore di Torcha. Ma anche Paola Di Benedetto, modella e apprezzatissima conduttrice televisiva-radiofonica, Pow3r, uno dei gamer più seguiti e amati del panorama italiano, Catherine Poulain, famosa influencer e DJ, “Il Milanese Imbruttito", rappresentato da Tommaso Pozza (Co-founder & Sales Director), Cooker Girl (Aurora Cavallo), fenomeno emergente nel mondo cooking dei social, tra i top creator di Giallozafferano, e Benedetta De Luca, ambassador indiscussa della body positivity e gender e inclusion editor di The Wom.

Non sono mancati interventi di approfondimento dedicati ai cambiamenti e allo studio del mercato, grazie agli interventi firmati dal Politecnico di Milano e Doxa, che per l’occasione ha presentato in anteprima la ricerca "Follower e influencer: quale relazione possibile?", realizzata per indagare il punto di vista dei consumatori sulla relazione tra influencer e brand.

L’indagine, presentata nel corso dell’evento da Anna Luciano, Senior Manager e Business Development & strategy di BVA Doxa, ha evidenziato che non solo i consumatori si fidano dei creator, ma rileva anche un assenza di rischio per i brand che decidono di affidarsi agli influencer. Via libera, dunque, alla sperimentazione di questo nuovo modo di comunicare, che però deve lasciare spazio alla creatività, alla sensibilità e allo stile dei creator, per mantenere intatta l’autenticità dei loro messaggi ai follower.

Inda Awards, ecco chi è stato premiato

La giornata di lavori a Influence Day si è chiusa con gli Inda Awards, riconoscimento italiano che premia il lavoro di creator e influencer secondo tre criteri: creatività, innovazione e, appunto, autenticità. Oltre 40 nomi tra i più importanti d’Italia sono stati votati da 30 giudici (istituzioni, brand, sponsor, istituti di ricerca, università e media partner) per aggiudicarsi il primo posto nella propria categoria.

La creatività per ideare e realizzare contenuti che raccontino, con uno storytelling inedito e un tone of voice originale, il concept di campagna, l’innovazione per sfruttare appieno le potenzialità del canale, declinando i formati esistenti con logiche e meccaniche inedite e l’autenticità per interpretare valori, key message di brand e caratteristiche di prodotti/servizi attraverso un punto di vista aderente al vissuto personale dell’influencer o agli human insight che caratterizzano la sua community.

Otto le categorie in gara, che hanno visto trionfare rispettivamente:

  • Teknoyd per Tech & Gaming sponsored by Spazio Lenovo;
  • Gabriele Vagnato per Entertainment;
  • Benedetta De Luca per Sustainability & People sponsored by Lavazza;
  • Adriana Bazgan per Beauty;
  • Marco “Mister Z” Zedda per Innovation sponsored by Haier;
  • Ruben Bondì per Food & Beverage;
  • Nicolò “Human Safari” Balini per Travel & Lifestyle;
  • Giada “Jadezzzzz” Zappa per Fashion.

Gli Influencer premiati sono stati scelti perché “parlano il linguaggio di oggi”, in maniera creativa e innovativa, avendo la capacità di relazionarsi con il target di riferimento in modo diretto, autentico, fresco e comprensibile.

Creatività, innovazione e autenticità sono, infatti, tre pilastri per costruire una perfetta sintonia in grado di generare collaborazioni valoriali ed efficaci con le aziende.

Contestualmente agli Inda Awards, presentati dall’Influencer e volto televisivo Nicolò De Devitiis, è stata organizzata la Inda Dinner, momento di networking per concludere una giornata ricchissima, frutto anche del coinvolgimento di importanti Sponsor quali Haier, Spazio Lenovo e Lavazza (che hanno deciso di essere anche i brand associati ad altrettanti premi), oltre a Media Partner d’eccellenza come i Main Media Partner Giallozafferano e The Wom, il social magazine 100% inclusivo che parla ai millennials e alla generazione Z, Influenxer e Webboh.

"Crediamo fortemente nello sviluppo della creator economy e siamo entusiasti di aver contribuito sin dall'inizio con la nostra partecipazione all’Influence Day grazie a Giallozafferano e The Wom e ad alcuni dei nostri top talent e editor - ha dichiarato Daniela Cerrato, Direttore Marketing di Mondadori Media -. Attraverso i nostri brand lavoriamo ogni giorno per scoprire e coinvolgere nuovi talenti con i quali co-creare una proposta editoriale distintiva sui social per offrire contenuti sempre originali e d'ispirazione per le nostre community e sviluppare progetti innovativi”.

Numerose anche le talent agency che hanno sposato il progetto: DOOM, Wannabe Management, Web Stars Channel, One Shot, Zenzero, Realize Networks, Sparkle Agency, Team World, Capital Innova, eHappen, The Talent Lab.

Inda, inoltre, è stato supportato da Assoinfluencer, Assorologi, Federpreziosi Confcommercio Imprese per l’Italia e ha potuto contare sulla preziosa collaborazione in qualità di Community Partner di Digital Coach, GRLS, ObservatoryZed, ONIM, SheTech, UniversityBox e del Partner Tecnico SHAA, che ha curato la realizzazione del live streaming e della piattaforma online per la valutazione degli INDA Awards.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI