• Programmatic
  • Engage conference

03/03/2021
di Caterina Varpi

Fcp Assointernet: gli investimenti pubblicitari online a +0,6% a gennaio 2021

Prosegue il trend positivo per la pubblicità digitale, nonostante la pandemia e un quadro politico critico

mobile-desktop-smartphone.jpg

Gli investimenti pubblicitari online a gennaio 2021 proseguono il trend positivo degli ultimi mesi del 2020, registrando una crescita dello 0,6%, secondo i dati dell'Osservatorio Fcp Assointernet, rilevati dalla società Reply.

"Dopo un secondo semestre 2020 che ha espresso costantemente valori positivi, siamo particolarmente soddisfatti di aprire l’anno 2021 con una conferma di tale trend. Il dato di gennaio deve essere inquadrato nello specifico scenario di inizio anno. Un contesto caratterizzato sicuramente da una grande incertezza, con l’emergenza epidemiologica ancora in corso ed un quadro politico che proprio a gennaio ha vissuto la fase più critica, prima che si avviasse l’attuale processo di “stabilizzazione”, spiga il presidente Fcp Assointernet, Giorgio Galantis.


Leggi anche: FCP ASSOINTERNET: LA PUBBLICITÀ TIENE NELL’ANNUS HORRIBILIS 2020. DICEMBRE "VOLA" A +17,3%


"Da quanto sopra descritto, possiamo ritenere che il gennaio di quest’anno sia stato interessato da un quadro complessivo meno favorevole per gli investimenti pubblicitari rispetto a quello che ha caratterizzato lo stesso periodo dell’anno precedente".

Le analisi in termini di Device confermano anche per il primo mese del 2021 i buoni risultati generati dagli smartphone. Gli andamenti per settore merceologico evidenziano il positivo riscontro di una pluralità di comparti quali: Abbigliamento, Distribuzione, Finanza/Assicurazioni, Edilizia, Abitazione.

"In termini prospettici permane e si rafforza la consapevolezza del ruolo fondamentale che svolge il comparto digitale nell’ambito della comunicazione delle aziende, a prescindere dalla loro dimensione e settore di appartenenza. Certamente sarà da verificare concretamente in quanto tempo e con quali modalità si potrà ricostruire progressivamente nel paese un clima di maggior fiducia, presupposto fondamentale per l’attuazione da parte delle aziende dei propri programmi di investimento”, conclude Galantis.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI