• Programmatic
  • Engage conference

19/02/2020

LifeGate: ricavi a +50% e investimenti nell'area media e consulenziale

LifeGate Consulting and Media arruola Guerino Delfino e altri professionisti con competenze creative e digitali per continuare ad incrementare il giro d'affari

Simone Molteni, Guerino Delfino ed Enea Roveda

Simone Molteni, Guerino Delfino ed Enea Roveda

LifeGate continua ad investire nell’area editoriale e della consulenza con la volontà di cavalcare l’onda della sostenibilità ambientale, un tema sempre di più al centro delle strategie delle aziende. Si inquadra in questo nuovo corso la scelta di affidare la guida della LifeGate Consulting and Media, la divisione dedicata all’area editoriale, alla consulenza per le aziende e ai progetti ambientali, a Guerino Delfino, manager di lungo corso del settore pubblicitario, reduce da un’esperienza di 18 anni nell’agenzia Ogilvy. Con il suo ingresso come presidente di LifeGate Consulting and Media, «Guerino Delfino porta nella società la conoscenza del mondo e delle strategie delle marche, oggi più che mai interessate a mettere in atto modelli di business sostenibili e comunicarli nel modo più appropriato», ha detto Enea Roveda, ceo di LifeGate. «Il nostro compito sarà da oggi aiutare quelle aziende che hanno messo in atto politiche basate sulla sostenibilità, anche grazie ai progetti realizzati con LifeGate, a comunicarlo all'esterno grazie allo storytelling e alle nuove opportunità multimediali offerte dal digitale», ha spiegato Delfino. Tra i principali compiti di Delfino figura il rafforzamento del Content Custom Studio, il team di produzione di contenuti interno a LifeGate che si svilupperà ora in un’ottica sempre più digitale e multimediale. Un team che ha già visto l'ingresso negli ultimi mesi di nuovi profili, come quello di Erik Fiorello, in LifeGate dallo scorso settembre come responsabile dei media digitali (prima lavorava in Publicis Media come content manager), e che continuerà ad arruolare altri professionisti al fine di acquisire competenze nell'area della creatività, del media e dell'utilizzo dei dati. Sul fronte editoriale LifeGate può contare oggi su una community di circa 5 milioni di utenti grazie alla radio in Fm (si ascolta in Lombardia e parte del Piemonte), alle web radio, al sito internet, ai profili social, agli eventi sul territorio e ai podcast. La società ha inoltre promosso lo scorso anno il network specializzato in tematiche green LifeGate Circle. «L'intenzione ora è di ampliare la nostra community migliorando il modo in cui distribuiamo i nostri contenuti di qualità che già oggi godono di una grande credibilità», ha detto Delfino. Un'operazione che sta avvenendo ad esempio attraverso partnership sul fronte del native, finalizzate proprio ad aumentare le visite al sito. Alle aziende invece «Content Custom Studio si propone come partner per avviare progetti di content strategy data driven con la produzione ad esempio di video ma anche con la realizzazione di long form editoriali multimediali», ha specificato Fiorello. Inoltre, la divisione è in grado anche di pianificare campagne pubblicitarie digitali occupandosi della parte di acquisito spazi.

Nel 2019 atteso un giro d'affari in aumento del 40-50%

I nuovi progetti dovrebbero aiutare il management di LifeGate a consolidare ed accelerare la crescita già registrata negli ultimi anni. LifeGate Consulting and Media, ha spiegato Enea Roveda, «ha chiuso il 2019 con un giro d’affari di oltre 3 milioni di euro, in aumento del 50% rispetto al risultato del 2018». Le prospettive sono ottimistiche anche per il 2020, «siamo partiti molto bene e pensiamo di chiudere l’anno con un’ulteriore crescita di circa il 40-50%, potendo contare sull'andamento positivo di tutte le tre differenti attività della divisione (media, consulenza e progetti ambientali), che oggi si dividono in parti uguali il giro d’affari». Anche l’altra area di attività del gruppo, la divisione energetica, attraversa un periodo in salute e «ha posto fine al 2019 con un giro d’affari di 12 milioni di euro, in deciso aumento rispetto ai 10 milioni del 2018». LifeGate è infatti anche un operatore energetico con un’offerta di rinnovabili rivolta sia al mondo aziendale sia al target consumer.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI