• Programmatic
  • Engage conference
08/07/2022
di Andrea Di Domenico

Dazn, verso la rilevazione Auditel già dall’inizio della Serie A

DAZN-auditel.jpg

Sembrano maturi i tempi per un approdo su Auditel di Dazn, e in particolar modo delle partite della Serie A di calcio, che anche nella stagione 2022-2023 saranno trasmesse dalla piattaforma di streaming e che sono un prodotto di grande appeal per il mercato pubblicitario.

Snodo cruciale per un avvicinamento tra l’Ott e l’organismo “istituzionale” che rileva le audience in Italia è stato il varo, lo scorso aprile, della nuova metodologia Total Audience, con cui Auditel ha adeguato i suoi sistemi di rilevazione degli ascolti in modo da poter monitorare, attraverso la combinazione di metodologie campionarie e censuarie, non solo l’utenza televisiva tradizionale, ma anche la fruizione dei contenuti tv su tutti i device connessi, in diretta e in differita.

Fino ad ora, Dazn e la sua concessionaria Digitalia hanno utilizzato, per comunicare gli ascolti delle partite al mercato, un sistema di rilevazione sviluppato ad hoc insieme a Nielsen. Un meccanismo tecnicamente innovativo ma finito nel mirino dell’AgCom, in base alle cui disposizioni “per le stagioni sportive 2022/2023 e 2023/2024, la certificazione del dato di ascolto degli eventi trasmessi da DAZN” sarebbe dovuta essere garantita “attraverso la misurazione da parte di un Jic operante sul mercato nazionale in grado di produrre un dato univoco, trasparente e certificato”.

Tempi, dunque, risicati per una convergenza che ancora lo scorso inverno sembrava fuori portata. Qualcosa però negli ultimi tempi è cambiato: parlando con la stampa a margine del convegno UPA22, mercoledì il presidente dell’AgCom Giacomo Lasorella ha infatti riferito che è in essere “un’interlocuzione molto solida e molto forte tra Dazn e Auditel”, grazie alla quale Lasorella ha inoltre auspicato “che tutto sia a posto per l’apertura del campionato”.

Il tavolo di lavoro sembra già essere stato avviato sin da fine marzo, e che si stia lavorando alacremente in vista della prossima stagione quando, quasi certamente vista la firma del contratto che sarebbe avvenuta negli scorsi giorni, la total audience di Auditel certificherà, già da inizio campionato, gli ascolti delle partite e della fruizione dei break pubblicitari. I margini sono stretti, la soluzione sembra a portata di mano. 

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI