• Programmatic
  • Engage conference

26/05/2022
di Andrea Salvadori

Amadori spinge sulla sostenibilità con i nuovi spot, entra nel mercato delle proteine vegetali e aumenta la spesa digitale

Il gruppo lancia la linea Ama Vivi e Gusta con i primi investimenti sull’online, in autunno la campagna mass market. Budget pubblicitario in linea a circa 10 milioni di euro

Amadori_Ama Vivi Gusta_26 05 2022.JPG

Gruppo Amadori investe nel brand per comunicare il suo impegno nell’ambito della sostenibilità, entra in un mercato sino ad oggi non presidiato con la volontà di giocare un ruolo di primo piano e riserva alla pubblicità un budget in linea con la spesa del 2021.   

L’azienda romagnola che fa capo alla famiglia Amadori ha lanciato nei giorni scorsi una nuova campagna pubblicitaria dedicata alle attività messe in campo sul fronte della sostenibilità ambientale, dalla produzione di energia pulita alla centralità di una filiera controllata, affidabile e tracciabile all’interno del proprio modello di business. «La nuova creatività realizzata dall’agenzia VMLY&R accompagnerà la comunicazione di Amadori nel corso di tutto l’anno, proprio per sottolineare l’impegno del gruppo per la salvaguarda del pianeta», spiega Rossana Zappa, consulente Marketing Strategico e R&D. «Presto renderemo pubblica tra l’altro la seconda edizione del nostro Rapporto di Sostenibilità, uscito per la prima volta nel 2020». Gli spot dunque hanno un taglio prettamente istituzionale con un richiamo finale ai prodotti dell’azienda. La pianificazione di Wavemaker si concentra sulle principali emittenti televisive italiane e sulle piattaforme di streaming dei broadcaster. 

Gruppo Amadori allarga quindi la sua offerta entrando nel settore del cosiddetto plant based (in crescita costante negli ultimi tre anni con un incremento del 25% a valore e del 23% a volume, per un giro d’affari che ha raggiunto i 113 milioni di euro nel 2021) con la nuova linea Ama Vivi e Gusta. Una novità con cui l’azienda amplia la sua presenza nel mondo delle proteine, considerando la sua storica presenza nel comparto avicolo (proteine bianche), il successivo ingresso nelle carni suine (rosa), per arrivare oggi al debutto nelle proteine vegetali (verdi). La nuova gamma si compone al momento di tre referenze (Veggy Burger, Cotolette Veggy e Birbe Veggy) e sarà in distribuzione da giugno in tutti canali di vendita con packaging per il 60% di plastica riciclata e un prezzo consigliato di 3,99 euro.


Leggi anche: GARE PUBBLICITARIE, LE ULTIME NEWS: DA AUDIBLE A BMW, DA TIM ED ENEL


Obiettivo del gruppo è diventare presto leader di mercato con il sostegno quindi di investimenti pubblicitari adeguati. «Il lancio di Ama Vivi e Gusta prenderà il via nelle prossime settimane con le prime campagne pianificate sulle piattaforme social e digitali con lo chef Simome Rugiati», prosegue Rossana Zappa. «In autunno sarà la volta del lancio mass market con lo spot tv, un’attività che rientrerà nell’avvio di un nuovo format pubblicitario con cui il gruppo comunicherà l’evoluzione in atto della sua strategia». 

Entro il semestre dovrebbe poi chiudersi l’operazione di acquisizione da parte del Gruppo Amadori del 100% di Rugger spa, il prosciuttificio di Santena, in Piemonte, specializzato nella cottura delle carni e proprietario del marchio Lenti. Un ulteriore allargamento dell’offerta di prodotto e un nuovo brand dunque da comunicare. 

Sul fronte degli investimenti, «nonostante le difficoltà di mercato dettate dallo scenario internazionale, il gruppo intende mantenere la pressione pubblicitaria sui livelli dello scorso anno, con il digitale che acquista sempre più importanza e rappresenta oggi il 15% del budget advertisting». Secondo quanto ricostruito da Engage, nel 2021 Gruppo Amadori ha investito per la pubblicità circa 10 milioni di euro, un dato in crescita di circa il 30% rispetto all’investimento del 2020. 

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI