• Programmatic
  • Engage conference

13/12/2019
di Alessandra La Rosa

I 5 social media trend per il 2020 secondo Hootsuite

Tra le tendenze più significative individuate dalla società, l’inarrestabile ascesa di TikTok e la ricerca di un equilibrio tra brand engagement pubblico e privato

hootsuite.jpg

Quali sono le principali tendenze del mondo social? E quali le principali opportunità per i brand che vogliono pianificare strategie vincenti di social marketing? Hootsuite, piattaforma attiva nella gestione dei social media, prova a rispondere a queste domande nel suo Social Media Trend 2020, giunto alla sua quarta edizione. Oggi si rileva una crescente umanizzazione nel rapporto con i consumatori e una maggiore presa di posizione su questioni rilevanti; fattori chiave che stanno trasformando i brand in nuovi punti di riferimento sia per i consumatori che per i dipendenti che, a loro volta, diventano i primi “ambassador” dei valori e delle attività dell’azienda. È quindi importante per i brand non solo comprendere le dinamiche social ma anche seguirne le continue evoluzioni come nel caso di TikTok; un nuovo canale che sta rivoluzionando il panorama finora conosciuto coinvolgendo prevalentemente la Generazione Z. Un’audience che i marketer dovrebbero comunque osservare per ottenere preziose informazioni sui gusti e sulle motivazioni d’acquisto delle future generazioni. «L’inizio del nuovo anno rappresenta sempre il momento giusto per perfezionare e implementare le strategie marketing da attuare nei successivi 12 mesi – afferma Stefano D’Orazio, Regional Director Italy di Hootsuite – I social trend individuati da Hootsuite rappresentano un valido strumento per ottimizzare l’esperienza del consumatore e del dipendente rendendola eccezionale e significativa non solo nel 2020 ma anche in futuro». Ecco i social media trend per il 2020: 1.     I brand devono raggiungere un equilibrio tra engagement pubblico e privato. L’aumento di conversazioni private tra l’azienda e i consumatori non ha diminuito la rilevanza dei feed pubblici. Questi spazi non perdono infatti la loro importanza riconosciuta da entrambi gli attori coinvolti: è qui che gli utenti scoprono nuove marche e che i brand intercettano potenziali clienti. La chiave del successo sta quindi nel creare esperienze multi-touch, personalizzate e continue, bilanciando l'automazione su larga scala e l’interazione umana per instaurare relazioni più profonde con i clienti. 2.     I datori di lavoro sono il nuovo punto di riferimento per i dipendenti. In un contesto globale frammentato, sempre più spesso i dipendenti osservano il comportamento delle loro società per prendere una posizione. A livello mondiale, emerge infatti una maggiore fiducia nei propri datori di lavoro piuttosto che in ONG, governi e media. Un nuovo ruolo del top management da cui le aziende all’avanguardia devono trarre vantaggio, costruendo una forte cultura interna ed ampliando la portata degli obiettivi aziendali grazie all’advocacy di impiegati e clienti. 3.     TikTok stravolge lo status quo. Con oltre 800 milioni di utenti attivi a livello internazionale e un’età media di 16-24 anni, TikTok prosegue la sua rapida ascesa. Potrebbe essere una moda passeggera, ma senza dubbio la popolarità di questa nuova piattaforma fornisce informazioni preziose sul futuro dei social in termini di cultura, contenuti e collaborazioni. I marketer dovrebbero quindi analizzare attentamente il fenomeno ed utilizzare gli insight ottenuti per adattare le loro strategie sulla prossima generazione di utenti. 4.     Social marketing e performance marketing si scontrano. Mentre i social marketer sono chiamati ad espandere costantemente le loro competenze, i fuoriclasse della brand awareness e della community building devono acquisire capacità relative al performance marketing, cercando un equilibrio tra le conversioni a breve termine e le strategie a lungo termine per definire la brand equity, soddisfare i clienti ed eccellere nel mercato di riferimento. 5.     Il gap sui social si riduce. Le nuove funzionalità commerciali sui social stanno creando un collegamento tra la parte superiore e inferiore del funnel, generando così un’ampia disponibilità di dati sulle conversioni della customer journey. Dati che si rivelano utili anche per le attività di brand awareness, fornendo una completa visione d’insieme sul comportamento delle persone durante l’intero percorso di acquisto. Il report “Social Media Trend 2020”, effettuato nel terzo trimestre del 2019, si basa su una survey che ha raggiunto un campione di oltre 3.000 marketer e su interviste con professionisti del settore.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI