• Programmatic
  • Engage conference

di Andrea Di Domenico

Fanplayr lancia PrivacyID, tool per il targeting nell’internet post-cookie

La nuova soluzione di identificazione anonima consente ai servizi di terza parte di funzionare efficacemente nel pieno rispetto della privacy

Enrico Quaroni è VP Global Sales di Fanplayr

Enrico Quaroni è VP Global Sales di Fanplayr

Fanplayr, società con esperienza decennale nel settore del targeting comportamentale per l’e-commerce, annuncia il lancio di PrivacyID, una nuova soluzione di identificazione anonima degli utenti che fornisce una protezione completa della privacy, consentendo alla stesso tempo ai servizi di targeting di terze parti di funzionare efficacemente anche a fronte del progressivo abbandono da parte dei browser dei cookie. 


Leggi anche: FANPLAYR VERSO L’APERTURA DI UN UFFICIO A MADRID


PrivacyID, spiega una nota, assegna dei “protected user identifiers” permettendo ai clienti di accedere alle informazioni anonime relative alle visite, senza violare le normative sulla privacy o compromettere la sicurezza degli utenti, consentendo l'utilizzo senza interruzioni delle informazioni, dando ai fornitori di servizi di terze parti l'accesso ai dati, mantenendoli protetti e non provocando problemi di integrazione con i loro servizi.

Commentando l’annuncio, il VP Global Sales di Fanplayr Enrico Quaroni sottolinea l’unicità della soluzione: “PrivacyID - dice infatti il manager - rappresenta una vera e propria rivoluzione per il settore. Questo nuovo servizio riesce ad interpretare il futuro e anticipare la soluzione ad alcune delle problematiche che si andranno a creare con la rimozione del supporto dei cookie di terze parti”.

Secondo il rapporto UNCTD, la pandemia ha favorito una crescita esponenziale dell’e-commerce, aumentando proporzionalmente anche l’utilizzo dei dati sensibili degli online buyer ai fini del targeting per scopi di marketing. In un contesto in cui i data breach sono all’ordine del giorno, la tutela della privacy degli utenti in rete è diventata una preoccupazione crescente per le aziende operanti in questo settore. Inoltre, a seguito della decisione di Google di eliminare progressivamente il supporto ai cookie di terze parti, le aziende e gli inserzionisti stanno riscontrando maggiori difficoltà nel tracciare gli utenti online, dovendo aderire alle leggi che hanno stabilito nuove linee guida per la protezione dei dati degli utenti ed eventuali sanzioni in caso di violazioni.

“Il nostro strumento è la prova concreta che il targeting comportamentale può continuare ad essere efficace anche in uno scenario cookieless identificando in maniera affidabile gli utenti all'interno dei vincoli imposti dai browser - continua Quaroni -. L’integrazione di Privacy ID all’interno delle soluzioni di Fanplayr permetterà di migliorare ulteriormente la user experience e il conversion rate, offrendo un servizio sicuro, continuativo e unico nel suo genere”.

Fanplayr ha ottenuto la tutela del brevetto provvisorio sulla tecnologia di PrivacyID. I dati, spiega il comunicato, vengono raccolti ogni volta che l’utente interagisce con il sito web del cliente o con uno dei suoi servizi di terze parti, come i provider di SMS ed e-mail. Inoltre, la gestione è semplificata per i clienti che utilizzano un’unica dashboard per gestire l’accesso degli utenti online all’interno dei loro spazi o di quelli di terze parti.


Leggi anche: INTELLIGENZA ARTIFICIALE E SETTORE TRAVEL: COME OTTIMIZZARE IL BUSINESS?


"Dopo oltre 10 anni di successo nelle soluzioni di personalizzazione basate sull’AI, siamo fiduciosi che PrivacyID risolverà alcuni dei punti dolenti dovuti ai recenti cambiamenti lato privacy”, ha aggiunto Simon Yencken, Ceo e co-fondatore di Fanplayr. “Il nostro obiettivo primario è quello di consentire ai nostri clienti di mantenere costanti i progressi che abbiamo ottenuto nella user experience e nella conversione delle vendite, garantendo la massima integrità dei loro dati utente". 

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI