• Programmatic
  • Engage conference
30/11/2020
di Marco Donati

Mediamond è la nuova concessionaria pubblicitaria del network radiofonico Klasse Uno

Il bacino di ascolti sarà messo a disposizione del mercato per raccogliere gli interessi pubblicitari di tutti i clienti nazionali che vedono nel Triveneto un’area strategica e di sviluppo del proprio business

klasse uno-mediamond.jpg

Mediamond ha siglato una concessione pubblicitaria con il network radiofonico Klasse Uno, la prima realtà radiofonica del Triveneto con ascolti che nell’area risultano avere penetrazioni più forti rispetto a diversi grandi network radiofonici nazionali.

Nello specifico, nell’accordo di concessione rientrano le radio Birikina, Bellla&Monella, Marilù, Piterpan e Sorrriso, emittenti con profili di ascolto e generi musicali tra loro complementari e sinergici.

Mediamond, si legge nella nota, grazie a questa nuova concessione conferma e consolida la propria leadership negli ascolti con un +8,9% nel giorno medio arrivando ad oltre 12,5 milioni di ascoltatori, e con un +12,5% nell'AQH raggiungendo 1,4 milioni (dati TER 2019.2).

Questo nuovo bacino di ascolti verrà messo a disposizione del mercato per raccogliere gli interessi pubblicitari di tutti i clienti nazionali che vedono nel Triveneto un’area strategica e di sviluppo del proprio business. 

Si tratta di una partnership in perfetta continuità con la strategia già avviata anni fa da Mediamond, sottolinea la società. La scelta di aggiungere, all’emittenti nazionali di Radio Mediaset, anche le concessioni di rilevanti realtà radiofoniche territoriali come Radio Subasio, Radio Norba e oggi Klasse uno, risponde all’esigenza di essere fattivamente ancora più presenti in aree del paese con alte potenzialità commerciali, completando sinergicamente le coperture di audience dei grandi network radiofonici già in portafoglio.

L’accordo sarà operativo dal 1 gennaio 2021. “Siamo molto contenti di questa nuova partnership che ci permette di continuare a crescere senza perdere quell’approccio e quella capacità di essere verticali che da sempre ci contraddistingue sul mercato. L’area del Triveneto pesa per circa un 10% del PIL nazionale, una ricchezza che non può che interessare qualsiasi investitore”, commenta Davide Mondo, Ceo di Mediamond.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI