• Programmatic
  • Engage conference
28/09/2021
di Lorenzo Mosciatti

BFC Media, ecco il nuovo piano triennale. A novembre il lancio dell’edizione italiana di Robb Report

L'editrice conta di chiudere l’anno a quota 15 milioni di euro di ricavi per raggiungere i 18 milioni nel 2022 e i 22 milioni nel 2023

Denis Masetti, presidente di BFC Media

Denis Masetti, presidente di BFC Media

Risultati economici in crescita nel primo semestre e un nuovo piano triennale per BFC Media.

La società presieduta da Denis Masetti, quotata su AIM Italia della Borsa di Milano, ha chiuso i primi sei mesi dell’anno con ricavi consolidati pari a 8,41 milioni di euro al netto delle partite infragruppo, in aumento dell’86% rispetto ai 4,53 milioni dello stesso periodo dell’esercizio precedente. Balzo della redditività con l’Ebitda che raggiunge 1,61 milioni (+143%) e della marginalità (19,1% a fine giugno, dal 14,6% del primo semestre del 2020) con un utile prima delle tasse di 0,753 milioni. L’utile netto è salito da 0,163 milioni di euro a 0,526 milioni di euro, +221% su base annua. 


Leggi anche: LE ULTIME NOTIZIE DAL MONDO DEI MEDIA 


BFC Media conta di chiudere l’anno a quota 15 milioni di euro di ricavi per raggiungere i 18 milioni nel 2022 e i 22 milioni nel 2023. L’Ebitda dovrebbe quindi passare dai 2,1 milioni del 2021 ai 2,5 milioni del prossimo anno per salire a 3,1 milioni nel 2023.  

Ad oggi i cinque principali brand di BFC Media sono Bluerating, Forbes, Bike, Cosmo ed Equos.

Le cinque linee di sviluppo del piano triennale

Il consiglio di amministrazione, dopo aver approvato il bilancio, ha esaminato e approvato il piano triennale di crescita di BFC Media per il periodo 2021, 2022 e 2023. Infatti, il precedente piano quinquennale presentato nel 2015 al momento della quotazione in Borsa è stato archiviato dopo aver superato nel 2020 gli obiettivi di crescita prefissati dalla società.

In particolare, cinque sono le linee di sviluppo che compongono il nuovo piano triennale. 

Tech Education prevede lo sviluppo di servizi di formazione a distanza con il brand Forbes Academy, sviluppati ed erogati sulla piattaforma Pegaso.

Digital Video e Audio contempla la produzione di format verticali e diffusione tramite le nuove tecnologie del digitale terrestre, del satellite e con l’utilizzo delle varie piattaforme streaming a seguito di accordi già definiti o in fase di chiusura con partner quali Samsung, Huawei, Twitter, Rakuten, Tatatu e Amazon Prime. Betting Sportivo si basa sullo sviluppo di piattaforme in real time per le scommesse sportive, compresa la fornitura di dati per provider italiani e internazionali. 

Venture Studio verte sugli accordi sottoscritti con società promettenti nel mondo della tecnologia con la formula “media for equity”, con cui BFC Media offre spazi pubblicitari alle società che necessitano di comunicare con il suo target ed in cambio ottiene quote delle società stesse. Per tale attività è stata costituita una unità operativa e ad oggi tre sono le partecipazioni attive: Zbx (per blockchain dei documenti e contrattualistica digitale che include protezione dalle fake news col servizio Notarify), Club Deal Online (per il mondo dell’equity crowdfunding e delle soluzioni di avanguardia per il finanziamento delle start up) e Vediar (per le soluzioni di intelligenza artificiale per le medie imprese, accordo perfezionato nel luglio 2021).

Robb Report, infine, riguarda il lancio dell’edizione italiana del brand editorial statunitense dedicato al lusso in base a un accordo di licenza di 8 anni con PMC Penske Media Corporation (l’editrice di brand quali Variety, Rolling Stone e Billboard). In base a tale accordo, è previsto nel mese di novembre il lancio del nuovo magazine Robb Report Italia e del sito www.robbreport.it.

La liquidità di BFC Media

Le disponibilità liquide delle società del gruppo BFC al 30 giugno sono di oltre 1,86 milioni di euro. Inoltre, il Decreto Liquidità ha consentito alle aziende del gruppo di accedere al credito bancario a condizioni particolarmente favorevoli. BFC Media, BFC Space, ITE e Equos hanno presentato un totale di 5 richieste di erogazione per 1,9 milioni di euro complessivi. Tutte le richieste sono state approvate sia dal Medio Credito Centrale che dalle banche erogatrici (Intesa Sanpaolo, Banca Popolare di Milano, Banca Popolare dell’Emilia-Romagna e Banca di Piacenza). Tali finanziamenti prevedono tassi agevolati e rimborso a 60 mesi con due anni di preammortamento. La liquidità così acquisita sarà investita nei progetti di crescita della casa editrice.

Per effetto del forte incremento dei ricavi del primo semestre del 2021, il gruppo BFC Media vanta crediti verso clienti per 4.669.357 euro. Il valore complessivo delle immobilizzazioni raggiunge 4.161.014 euro, un importo legato allo sviluppo delle iniziative digitali, dei software sviluppati e al lancio di nuove iniziative.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI