• Programmatic
  • Engage conference

11/02/2019
di Simone Freddi

PerDormire si affida a Cayenne e Taurus Adv. La nuova campagna con Ale & Franz è in tv e online

Tre diversi spot mirano a ridefinire la proposition del brand toscano affermando il concetto di “sistema letto”

Un frame dello spot

Un frame dello spot

E' on air la nuova campagna pubblicitaria di PerDormire, brand di punta del Materassificio Montalese, azienda pistoiese specializzata nella produzione di sistemi letto e presente su tutto il territorio nazionale. Gli spot sono realizzati in collaborazione con Cayenne, nuova agenzia di comunicazione del brand, mentre il centro media, anch'esso nuovo, è Taurus Adv.  La campagna prevede 3 diversi soggetti ed è pianificata sulle reti Mediaset e online (sempre via Publitalia) a partire dall’11 febbraio. Gli spot vanno in continuità con quelli del 2018 (lo scorso anno l'azienda lavorava con Leagas Delaney e Media Italia) per la scelta dei testimonial Ale & Franz e per il tono ironico, ma rappresentano, spiega l'azienda, il primo step di un piano a lungo termine che mira a posizionare il brand PerDormire. La missione è infatti quella di ridefinire la proposition passando da “letto” a “sistema letto”. Un’offerta che si estende ad un mondo più ampio fatto di design, di tecnologia e di molteplici accessori e che rientra in un trend crescente che vede il letto non più come luogo esclusivamente dedicato al sonno. «Grazie alla diffusione di supporti e contenuti digitali, il letto è oggi un microambiente sociale allargato dove rilassarsi, ma anche discutere, studiare o coltivare le proprie passioni», commenta Davide Della Pedrina, Head of Planning di Cayenne. «Siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto: con la simpatia e la garbata ironia di Ale & Franz siamo riusciti a far passare i messaggi chiave del nostro brand PerDormire che porta in sé i valori del comfort, della personalizzazione e dell’accessibilità uniti ad un’estetica distintiva» sottolinea Paolo Luchi, Sales & Marketing Manager dell’azienda. «Ecco quindi il cambio di rotta: da “cultura del benessere” a “design for wellness».

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI