• Programmatic
  • Engage conference

12/02/2020
di Simone Freddi

Imprenditore, advisor, business angel: i progetti di Claudio Vaccaro dopo la cessione di BizUp

Chiusa la vendita dell’agenzia di cui è stato co-founder e CEO, Vaccaro svela i suoi piani per il futuro: BlazeMedia, gli investimenti nel digital come Business Angel e un nuovo progetto con Alkemy, il gruppo che ha acquisito BizUp

Claudio Vaccaro

Claudio Vaccaro

Si apre una nuova fase nella carriera nel panorama digital di Claudio Vaccaro. Classe ‘77, milanese di nascita, romano d’adozione e imprenditore per vocazione, Vaccaro è stato co-founder e Ceo di BizUp, l'agenzia di content & performance marketing basata nella capitale, recentemente venduta al Gruppo Alkemy. Proprio la chiusura di questa exit - tra le più importanti nel panorama delle agenzie digitali italiane - offre a Vaccaro l’occasione di condividere con Engage i suoi progetti per il futuro, che lo vedranno impegnato sia sul versante manageriale, sia di nuovo come imprenditore e business angel. Claudio, il 2019 è stato un anno importante per te, vero? Sì, dopo un processo lungo 3 anni Alkemy ha concluso l'acquisizione del 100% della nostra agenzia. BizUp, permettimi di dirlo con un certo orgoglio, in brevissimo tempo ha cambiato per sempre il panorama delle "medie" agenzie digital, spostando l'asticella più in alto e fondendo tra le prime in Italia capitoli quali il content e la performance. Molti imprenditori hanno come obiettivo l’exit. Quella di BizUp è stata una tra le più importanti nel panorama delle agenzie italiane, ma tu personalmente come l’hai vissuta? Si parla di "exit blues": in effetti io un po' di nostalgia ce l’ho ed è normale visto il coinvolgimento emotivo che hai con un'azienda che fondi e gestisci per anni, diventa quasi un figlio. Ma oggi l’agenzia, con l’inserimento in un contesto più ampio, solido e integrato, quale appunto è Alkemy, e con il suo straordinario team di specialisti unico in Italia che impiega più di 60 persone, è nella fase della maturità e può puntare a nuovi obiettivi, forse anche cambiando pelle e trasformandosi in qualcosa di diverso. E quindi ora nel 2020 cosa farai? Il manager? Il consulente? L'imprenditore? Resterai nel gruppo Alkemy? Un po' tutto quello che hai detto. Essere imprenditori è una bella condanna, difficile smettere di pensare a progetti nuovi che governi direttamente. Contemporaneamente però mi piace mettere insieme quello che chiamano "give back", quindi aiutare come Advisor altri imprenditori a fare meglio, trasferendo loro quello che ho imparato in questi anni, e investimenti in fase seed in startup in cui credo, in particolare in area B2B. In Alkemy invece continuerò, come Business Partner, la mia attività di sviluppo del business su grandi clienti, in particolare attraverso un nuovo progetto “top secret” che contiamo di far partire nel primo semestre dell’anno. Ci puoi raccontare quindi quali saranno i tuoi principali progetti imprenditoriali del 2020? Oltre al progetto con Alkemy, mi impegnerò su un fronte che è nel mio DNA per storia professionale e passione personale: quello del media e dell’ad-tech. Ho deciso infatti di investire e partecipare attivamente in BlazeMedia (società fondata da Massimiliano Valente e proprietaria dei siti Telefonino.net, Punto Informatico e Newstreet). BlazeMedia è da un lato editore, con audience caratterizzate da forti verticalità, dall’altro tech company: vuole innovare radicalmente il settore dell’editoria online attraverso soluzioni tecnologiche che ottimizzano la produzione e gestione di contenuti e la loro monetizzazione, con particolare focus sul business model dell’affiliazione. Si tratta di soluzioni che vengono testate prima sui propri asset e poi messe a disposizione del mercato. A breve ne vedrete delle belle! E lato investimenti? Su quali startup hai messo gli occhi, la testa e il “portafoglio” come Angel? Tempo fa avevo già investito in Hej!, agenzia che in pochi anni è diventata leader nelle soluzioni di conversational marketing basate su Intelligenza Artificiale (come i Chatbot) per la lead generation e il Crm. Recentemente sono entrato come investitore in Xingu, agenzia leader in Italia per il marketing su Amazon e in EyeCandy, news company che monetizza il lock screen dei cellulari (e che oggi è la prima vera impression possibile) con formati nativi. Per concludere - almeno per ora - ho investito e sono marketing advisor di BeSafeRate, una tech company che sta innovando il mercato delle assicurazioni per viaggiatori.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI