• Programmatic
  • Engage conference

19/07/2021
di Andrea Di Domenico

Smiling.video, campagne più efficaci grazie ai dati di prima parte

Grazie alla partnership con Neodata Group, la piattaforma ad tech ora propone ai propri clienti pianificazioni basate su dati proprietari provenienti da fonti interne quali CRM o DMP

Massimo Garzulino è il Coo di Smiling

Massimo Garzulino è il Coo di Smiling

Novità nell'ambito dei dati per Smiling: la società ad tech italiana nota sul mercato per la piattaforma Smiling.Video, usata da oltre 500 siti in Italia per la distribuzione e la monetizzazione di contenuti video, ha annunciato di aver ampliato la propria offerta con una nuova soluzione che permette agli investitori pubblicitari e alle loto agenzie di integrare le proprie audience proprietarie nel sistema di pianificazione di Smiling.

Campagne video con dati proprietari

Tramite la piattaforma Smiling.video (che totalizza circa 150 milioni di impression al mese) i clienti avranno la possibilità di pianificare campagne in base a audience di proprietà dei brand stessi, che vengono integrate nel sistema di pianificazione della startup milanese mediante un sistema di connessione basato sulla piattaforma exaudi di Neodata, già partner di Smiling da diversi anni.


Leggi anche: LE 10 ACQUISIZIONI CHE HANNO CAMBIATO L'AD TECH


Da un lato, spiega Smiling, tutti i brand che utilizzano exaudi come Audience Platform di prima parte sono già abilitati a connettere le proprie audience con l'inventory premium video di Smiling.video. Dall’altro il sistema permette l’integrazione con qualunque fonte di dati e, di conseguenza, la pianificazione da parte di tutti i clienti mediante utilizzo delle proprie audience derivanti da DMP proprietarie, sistemi di CRM o altre fonti interne all’azienda.

«Negli ultimi anni le aziende hanno investito moltissimo nella raccolta, creazione e gestione di data-lake proprietari, al fine di migliorare sempre più le proprie performance e targettizzare in modo massivo i propri investimenti pubblicitari – afferma Massimo Garzulino, Coo di Smiling. Per questo abbiamo deciso di affiancare alla nostra proposta di pianificazione basata su contenuti premium una soluzione in grado di gestire i dati dei clienti. Una soluzione, mi piace sottolineare, gradita da subito da alcuni “top client” che l’hanno utilizzata con soddisfazione».

Next steps: contenuti data driven 

La novità non interessa solo gli investitori pubblicitari: Smiling infatti utilizzerà la piattaforma exaudi anche per migliorare la propria proposta verso gli editori.


Leggi anche: SMILING CHIUDE IL 2020 CON UN FATTURATO IN CRESCITA DEL 102%


Infatti, con una sempre maggiore quantità di dati a sua disposizione, la piattaforma Smiling.Video potrà distribuire contenuti non solo in modalità contextual pubblicando (o fornendo per la pubblicazione) video inerenti al contesto editoriale, ma anche aggiungendo una componente data-driven alla sua strategia, fornendo contenuti sulla base del profilo degli utenti e aumentando così la loyalty della propria audience sulle centinaia di siti web (circa 750 in totale, di cui 500 in Italia) che utilizzano il player Smiling.Video.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI