• Programmatic
  • Engage conference

Content Creation

Silvio De Rossi
a cura di Silvio De Rossi

Content Creator e Influencer, collabora con i più importanti Brand del panorama automotive e non solo. Founder di Stylology.it, nel suo passato Televideo Rai e Mediavideo, i veri antenati di internet. E’ stato responsabile editoriale di Blogosfere.it, partecipando al successo del network di blog più grande d’Italia. In seguito è stato direttore responsabile di Leonardo.it. Si occupa di produzioni foto e video con particolare attenzione ai format più adatti ai social network.

14/01/2021

Accordo Shopify-TikTok: il futuro dell'e-commerce è social

La piattaforma di e-commerce canadese può ora sfruttare tutte le potenzialità economiche e commerciali del social network cinese. La guerra a Facebook e Amazon è cominciata

Internet nasconde un numero sconfinato di opportunità. Bisogna continuare a guardarsi intorno e testare nuove piattaforme per capire dove il flusso di utenza di indirizzerà nel prossimo futuro.

Il successo è dettato dal sapere leggere tra le righe: arrivare per primi è l’unica cosa che conta.

Per questo motivo trovo sensato parlare dell’accordo che Shopify e TikTok hanno siglato a ottobre 2020. Shopify, piattaforma di e-commerce canadese, è così diventata la prima in assoluto a poter sfruttare tutte le potenzialità economiche e commerciali del social network cinese, che al momento negli Stati Uniti vede 100 milioni di utenti attivi ogni mese. Lo stesso identico numero si conta anche in Europa.

Grazie a tale accordo TikTok e Shopify hanno potuto beneficiare di enormi vantaggi.

Shopify ora può espandere la propria base clienti e avere maggiore pubblicità attraverso video promozionali, per tutti i prodotti che i venditori caricano in piattaforma. Il punto di forza dell’accordo tra le due aziende sta proprio in questo: i commercianti che si servono di Shopify possono mettere in vendita i prodotti direttamente attraverso video promozionali e gli utenti TikTok possono acquistarli direttamente, durante la visualizzazione degli stessi.

Si tratta di una risposta decisa, uno schiaffo al Marketplace di Facebook e alle ambizioni di Instagram, che ha ormai deciso di competere con Amazon per lo shopping quotidiano dei propri utenti. Senza dimenticare che anche Whatsapp vorrebbe a breve diventare un negozio virtuale al servizio di commercianti e consumatori.


Leggi anche: FACEBOOK METTE IL SOCIAL COMMERCE AL CENTRO DELLA STRATEGIA: «FUNZIONI DEDICATE SU TUTTE LE PIATTAFORME»


La possibilità di fare shopping su TikTok servendosi di Shopify è partita come una esclusiva dedicata al territorio americano, ma presto sarà estesa anche a Europa e sud-est asiatico.

L’utilizzo della piattaforma è alquanto semplice: le campagne pubblicitarie su TikTok possono essere create direttamente dal pannello presente su Shopify, andando sul sito ufficiale di quest’ultimo e scaricando la relativa app (TikTok - Shopify App Store). Le funzionalità dell’applicazione consentono di creare facilmente e velocemente dei video pubblicitari e poi di tracciarne le performance grazie agli analytics.

Cos'è Shopify

Si parlerà sempre di più di Shopify, per questo credo sia giusto raccontare meglio questa piattaforma di e-commerce canadese con sede a Ottawa.

La sua storia inizia nel 2004, quando Daniel Weinand, Scott Lake e Tobias Lütke aprono Snowdevil, un negozio online per attrezzature da snowboard. Shopify arriverà nel 2006 dopo tanti esperimenti e tanta gavetta.

La piattaforma appare innovativa soprattutto perché consente ai commercianti di vendere i propri prodotti online con grande facilità.

L’utilizzo di Shopify è talmente semplice che si pensa bene di presentarlo come una piattaforma che consente di fare in circa 20 minuti ciò che fino a due anni prima si poteva fare in almeno due mesi di lavoro di programmazione informatica (riferendosi all’esperienza che i tre avevano avuto con Snowdevil).

Gli anni successivi vedono Shopify impegnata a lanciare una propria applicazione sull’App Store di Apple e un proprio strumento di pagamenti (Shopify Payments), che consente ai venditori di poter accettare pagamenti con carte di credito senza la necessità di servirsi di un gateway di terze parti.

Nel 2017 è invece la volta di Shopify POS, un sistema di punto vendita che permette ai venditori di accettare pagamenti in negozio, consentendo inoltre di poter sincronizzare le informazioni con la dashboard di Shopify. Il tutto in tempo reale. Nel 2018 Shopify viene reso disponibile anche in lingua italiana. Nel frattempo, la piattaforma raggiunge 1 milione di negozi attivi in 175 Paesi di tutto il mondo.

L’accordo con TikTok potrebbe essere la consacrazione. Ora vedremo la replica di Amazon e Facebook. La guerra fredda dello shopping online è solo all’inizio.

scopri altri contenuti su