• Programmatic
  • Engage conference
17/05/2020

Crédit Agricole Italia "riparte" con un nuovo spot

La campagna pubblicitaria è realizzata da FCB Milan e pianificata da Hearst&Science

Crédit Agricole Italia lancia domenica 17 maggio la nuova campagna pubblicitaria realizzata da FCB Milan e pianificata da Hearst&Science, la società di OMG fresca vincitrice della gara media. Il cuore del messaggio è la possibilità di ripartire con il progetto di una casa, con il nuovo mutuo che si attiva subito e si inizia a pagare dopo un anno. https://www.youtube.com/watch?v=D2tY9IYH5Kg Il concept creativo vede come protagoniste le persone che in questi mesi hanno vissuto intensamente la propria casa: quelle che si sono scoperte cuochi e hanno desiderato una cucina più grande, o si sono allenati in casa e ora stanno pensando a uno spazio dedicato. Quelli che hanno sperimentato, nel bene e nel male, lo smart working e stanno sognando una casa con una stanza in più per lavorare al meglio. E chi ha capito quanto sia importante anche un piccolo spazio verde e ora pensa a una casa che possa averlo. È da tutti questi insight legati al vivere al meglio la casa che nasce la campagna pubblicitaria che ha come cuore lo spot tv 30” diretto dal regista Ago Panini con la casa di produzione The Family. La musica è una cover del brano "Try" di Pink, realizzata dal musicista Flavio Ibba. Il film è stato realizzato produttivamente in lockdown ma non fa cenno esplicito alla situazione che stiamo vivendo, perché vuole dare un messaggio positivo e più “atemporale” agli italiani. La campagna pubblicitaria si sviluppa a 360° coinvolgendo anche digital e social. Crédit Agricole Italia in chiusura dello spot lancia il messaggio “ripartiamo insieme con fiducia”, la fiducia che il brand ha e invita tutti ad avere. “Penso sia finito il momento in cui le aziende giustamente si dedicavano a donazioni e poi ai doverosi ringraziamenti", commenta Fabio Bianchi, Managing Partner di FCB Milan. "Abbiamo fatto in pratica quello che abbiamo spiegato ai nostri clienti nella teoria. Adesso serve infatti una comunicazione empatica, che tenga conto dei nuovi behaviours per poi fornire una soluzione concreta, che risponda veramente ai bisogni delle persone. Solo così un brand può continuare a crescere anche in un momento di recessione economica. Questo è quello che abbiamo fatto con Crédit Agricole”.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI