• Programmatic
  • Engage conference

11/05/2020
di Francesco Tempesta

Armando Testa firma la nuova campagna digital di Peuterey

La comunicazione punta sul concetto di "Soft Attitude", rivisitando contorni e stili del brand di moda per la sua collezione p/e

peuterey.jpg

È online la nuova campagna per la collezione Spring Summer 2020 Peuterey curata da Armando Testa. Nonostante la delicata situazione legata al Coronavirus, il brand ha saputo reagire velocemente e insieme ad Armando Testa sviluppare una campagna che potesse avvicinarsi il più possibile alle nuove routine quotidiane di tutti gli italiani che stanno affrontando questo duro periodo, mantenendo un tono positivo ed incoraggiante. La Soft Attitude è una collezione che nasce per rendere meno netti i confini tra formale e casual, avvicinando il comfort e il tecnicismo dello sportwear allo stile di un design minimale ed elegante, con capi che donano una nuova attitudine soft a chi li indossa. Ed è proprio questa nuova attitudine la chiave di tutto il progetto comunicativo studiato per il lancio della collezione: tutti ci siamo trovati ad affrontare nuove limitazioni, siamo stati chiamati a reinterpretare la nostra quotidianità, e con il messaggio "Show Your Soft Attitude" si vuole invitare tutti ad affrontare questo nuovo day by day con uno spunto positivo e con la giusta dose di leggerezza. La novità arriva anche nell’output visivo, infatti gli scatti fotografici vengono arricchiti dalle illustrazioni di Fernando Cobelo, che grazie al suo tratto morbido e visionario utilizza i capi della collezione per disegnarci intorno un nuovo uomo e una nuova donna. Gli scenari che li circondano non sono semplici mura di casa, bensì dei mondi fantastici che prendono il posto di location e set fotografici.

Credits:

  • Direzione Creativa esecutiva: Michele Mariani
  • Direzione Creativa Digital: Antonello Falcone
  • Creative team: Laura Sironi, Fabio Camera, Raffaele Pignataro, Alice Franco
  • Azienda: Peuterey S.r.l.
  • Marketing e Comunicazione: Giovanni Lusini, Cristina Castelli

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI