• Programmatic
  • Engage conference

12/02/2021
di Alessandra La Rosa

Pasta Garofalo prepara il ritorno on air con Zingaretti e Ranieri. Budget in crescita nel 2021

Il brand conferma la sua attenzione all’innovazione, con il debutto di social native advertising e proximity marketing nel media plan, come ci spiega il Direttore Commerciale Italia Emidio Mansi

Emidio Mansi, Direttore Commerciale Italia di Pasta Garofalo

Emidio Mansi, Direttore Commerciale Italia di Pasta Garofalo

Innovazione e dialogo con i consumatori. Saranno queste nel 2021 le due principali direttrici della strategia di comunicazione di Pasta Garofalo, il pastificio fondato nel 1789 a Gragnano dove tuttora ha sede.

Il brand, che a breve tornerà in comunicazione con nuovi spot della sua campagna “Un vero spettacolo” con Luca Zingaretti e Luisa Ranieri, conferma anche quest’anno la sua volontà ad utilizzare modalità di comunicazione innovative, ed a portare avanti un dialogo con il pubblico attraverso i canali digital e social. Ce lo ha raccontato Emidio Mansi, Direttore Commerciale Italia del Pastificio Garofalo, recentemente intervistato sulla strategia pubblicitaria del brand per il 2021.


Leggi anche: LUCA ZINGARETTI E LUISA RANIERI NEGLI SPOT DI PASTA GAROFALO


«Il cuore della nostra strategia di comunicazione resta la campagna “Un vero spettacolo” con Luca Zingaretti e Luisa Ranieri, che proseguirà anche quest’anno con piccoli cambi negli spot 15” e radio – ci ha spiegato Mansi –. La pianificazione partirà a brevissimo, e affiancherà a tv e radio anche tabellare online tramite video seeding, con un piano multimediale integrato. Sul web ci saranno quest’anno anche delle altre novità: faremo infatti proximity marketing e social native advertising, con l’attivazione di campagne su zone mirate sintetizzando da una parte lo spot e dall’altra i contenuti che abbiamo sui social».

Pasta Garofalo, la strategia di comunicazione 2021 tra innovazione e dialogo con i consumatori

Nel frattempo, il brand continuerà a portare avanti altri progetti di comunicazione meno convenzionale. «Uno è la Skill Alexa che abbiamo realizzato l’anno scorso con Cook Corriere della Sera, che continueremo a promuovere attraverso pianificazioni in programmatic su Amazon – ha proseguito il manager –. L’altro sarà l’evoluzione della limited edition “13 minuti” che abbiamo lanciato nel 2020, un progetto nato dall’ascolto del pubblico online che ci ha portato a creare un pack speciale in cui abbiamo ingrandito il tempo di cottura della pasta. Sulla scia di questo progetto, che ha riscosso grande successo, abbiamo deciso di rivedere i pack della linea semola mettendo in evidenza dove vengono riportati i tempi di cottura».

Una strategia di evoluzione del prodotto che parte da uno scambio con il pubblico sarà anche alla base di future novità per la linea di prodotti senza glutine: «In questo caso, abbiamo coinvolto alcuni influencer nel campo del gluten-free per capire quali possono essere le aree di miglioramento dei prodotti».


Leggi anche: GAROFALO SI AFFIDA AGLI ITALIANI RESIDENTI ALL’ESTERO PER LA CRESCITA DEL BRAND OLTRECONFINE


La spesa pubblicitaria quest’anno sarà in crescita. «Da sempre i nostri investimenti sono proporzionali al fatturato – ha spiegato Mansi –, e cerchiamo di mantenere una certa costanza nella crescita di pressione dell’investimento. Per fortuna la nostra azienda da anni cresce a livello di fatturato, e dunque la spesa in comunicazione aumenta in proporzione. Negli ultimi anni comunque, da quando abbiamo aggiunto la tabellare al nostro piano di comunicazione, l’incidenza del budget sul fatturato è aumentata, e contiamo possa aumentare anche quest’anno».

Sul fronte delle agenzie, l’azienda lavora con Naive per la creatività, Mindshare per il media, Xister per il planning social e Image Building per le pubbliche relazioni.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI