• Programmatic
  • Engage conference
10/01/2023
di Teresa Nappi

Best Brands 2023: svelato il tema dell’ottava edizione italiana. Sassoli (Upa): “Fiducioso sui prossimi mesi”

È prevista per il 7 marzo l’incoronazione delle marche più forti secondo le valutazioni di GfK confrontate con i dati di vendita. “Adv importante per i brand che vogliono costruire un rapporto con i consumatori”, dice il presidente dell'associazione degli utenti

"Best Friends" è il concept che ispira l'ottava edizione di Best Brands Italia

"Best Friends" è il concept che ispira l'ottava edizione di Best Brands Italia

Best Friends: è questo il concept che ispira l’ottava edizione italiana di Best Brands, la classifica che offre ogni anno il punto di vista diretto dei consumatori sulle marche confrontandolo con i dati delle loro performance economiche.

Lanciato per la prima volta da GfK e Serviceplan Group nel 2004 in Germania e sostenuto in Italia dai partner fondatori Rai Pubblicità, 24Ore System, IGP Decaux, Adc Group con il patrocinio di UPA, e quest’anno con il contributo del leader del mercato della pubblicità video outstream Teads, il progetto Best Brands è diventato un riferimento negli anni e un appuntamento atteso per l’industry anche nel nostro Paese, anche perché si è reso capace di indirizzare le marche nella loro evoluzione.

Best Brands come Best Friends

Attori sempre più presenti nella vita quotidiana dei consumatori e chiamati a un ruolo responsabile all’interno della comunità, i brand migliori accompagnano le persone verso un futuro caratterizzato dalla centralità dell’individuo come fine, mai come mezzo, secondo i principi della società 5.0 che si pone l’obiettivo di essere prospera e di avere al centro il benessere dell’essere umano.

Fiducia, autorevolezza e credibilità sono le caratteristiche che le Marche devono trasmettere nel loro nuovo ruolo di “Best Friends”, il modo migliore per essere “Best Brands”.

In apertura della conferenza stampa di presentazione, Lorenzo Sassoli de Bianchi, Presidente di UPA, ha dichiarato: “Il titolo di questa ottava edizione fotografa perfettamente la relazione biunivoca di interesse e attenzione delle marche nei confronti dei loro utenti/consumatori e delle persone che le scelgono, in una reciprocità a cui ogni marca lavora. Oggi più che mai - ha continuato - le marche si confrontano con la imprevedibilità del futuro. L’unica cosa stabile è l’instabilità: consacrata anche con un neologismo, permacrisi”.

Nonostante questo, la fiducia è il sentimento espresso dal presidente per il prossimo anno: “Abbiamo la ferma certezza che una comunicazione pubblicitaria efficace e continuativa costruisce, sostiene e consolida le marche, nel breve come nel lungo periodo. E le imprese lo hanno capito. Sono consapevoli dell’importanza delle loro marche e hanno capito che l’investimento pubblicitario è, appunto, un investimento e non una spesa. Lo hanno dimostrato in anni difficili come quelli segnati dalla pandemia e sono fiducioso che lo dimostreranno anche nel 2023. Le marche, alla stessa stregua del panorama media oggi così frammentato, si stanno evolvendo e aumentando, ma i brand che sanno comunicare sono eterni”, dice ancora il Presidente.

L’analisi della situazione

Le parole del presidente di UPA Lorenzo Sassoli de Bianchi trovano conforto nei numeri: “Possiamo dire che il 2022 si è chiuso in maniera positiva per la pubblicità considerando l'attuale situazione economica. I dati ufficiali, attesi a febbraio prossimo, dovrebbero restituire un mercato poco sotto lo zero”, ha spiegato.

“Nel 2023 non ci saranno eventi sportivi particolari, e questo è un limite. Inoltre, c’è sì stabilità politica, ma certo c’è bisogno che il Governo acceleri alla stessa velocità delle imprese”, esorta il Presidente nella sua analisi dei fatti.

Su Best Brands 2023

È toccato poi a Giovanni Ghelardi, Ceo Serviceplan Group Italia, e a Enzo Frasio, Presidente di GfK Italia, riassumere le principali caratteristiche e i temi dello studio, che si propone di realizzare una mappatura accurata e attendibile delle marche più forti sul mercato.

“Ci sono Brand e Best Brands. E come emerge dalle discussioni nel Club dei Best Brands, questi ultimi, a differenza dei primi, si sforzano sempre e concretamente di diventare Best Friends”, ha spiegato Ghilardi. “Tutto questo riguarda sia l’impegno per rendere la sostenibilità un vantaggio concreto per tutti, sia la capacità di conciliare una visione sempre più globale con le esigenze culturali del territorio, sia la scelta di non snaturarsi per piacere a chiunque e ovunque, ma piuttosto di essere uguale a se stesso nei contesti in cui penserà di poter veramente essere utile”, ha continuato il Ceo di Serviceplan Group Italia.

Seimila interviste (5.000 per le classifiche storiche e 1.000 destinate ad un nuovo ranking) per un totale di 16.000 valutazioni: sono questi i numeri su cui si basa la ricerca, che restituisce il ranking di quasi 300 brand oggetto dell’indagine. L’esclusiva metodologia di Best Brands coniuga elementi qualitativi e quantitativi, grazie a un algoritmo elaborato quasi vent’anni fa da GfK e Serviceplan Group. Lo storico dei risultati ottenuti nei Paesi dove viene realizzata la ricerca (attualmente Belgio, Francia, Germania e Polonia, oltre all’Italia) conferma la validità del metodo, in cui risiede l’autorevolezza dello studio.

“Il nostro studio trasversale come sempre compara i dati economici con il punto di vista delle persone garantendo l’obiettività dei risultati. Per questo ritengo che i trend che emergono dalla ricerca siano ancora più significativi nell’anticipare gli scenari del mercato con uno sguardo rivolto al futuro, per offrire spunti e stimoli al settore”, ha poi aggiunto Enzo Frasio.

Le classifiche previste per l’edizione 2023 integrano alle quattro storiche categorie, Best Product Brand, Best Growth Brand, Best Sustainability Brand e Best Phygital Brand, la nuovissima Best of the Best, che premierà la marca che ha performato meglio secondo i consumatori in tutti e quattro i territori valoriali.

Nel corso di Best Brands 2023 verrà anche presentato il Libro Due dei Best Brands, risultato delle sessioni di lavoro del Best Brands Club, l’esclusivo tavolo di confronto animato dalle Marche che si sono posizionate ai vertici delle classifiche dell’edizione 2022 (Amazon, ASdoMAR, Elmex, Intesa San Paolo, Müller, Mulino Bianco, Nutella, PayPal, Samsung e UnipolSai) con l’intento di definire cosa significhi essere oggi Best Brands.

La seconda edizione del volume verrà presentata, insieme ai risultati della ricerca, durante il gran galà previsto a Milano il 7 marzo.

La serata a inviti vivrà il suo momento topico durante la proclamazione dei brand che sono risultati primi nelle quattro categorie Best Brands, si svolgerà come da tradizione negli studi Rai di Via Mecenate. Dopo le modalità ibride sperimentate negli ultimi anni per far fronte all’emergenza pandemica, l’evento che raduna il gotha delle marche italiane tornerà a essere esclusivamente in presenza.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI