• Programmatic
  • Engage conference

19/10/2020
di Cosimo Vestito

Index Exchange e clean.io insieme per proteggere editori e consumatori contro la pubblicità dannosa

Con l’integrazione di una soluzione di rilevamento e blocco di tipo deterministico e comportamentale, l'ad exchange sarà in grado di garantire una protezione avanzata su tutti i canali

Copy-of-Copy-of-Copy-of-IX-Email-Header-2-1120x630-1.jpg

Index Exchange e la società di cybersicurezza clean.io hanno annunciato una partnership volta a consolidare l’impegno già assunto dall’ad exchange nella lotta alla pubblicità dannosa a tutela di editori, piattaforme e consumatori.

Con l’integrazione di cleanAD, la soluzione di rilevamento e blocco di tipo deterministico e comportamentale sviluppata da clean.io, Index Exchange sarà in grado di garantire una protezione avanzata su tutti i canali.

"L’ecosistema pubblicitario deve privilegiare un approccio proattivo alla prevenzione del malware per salvaguardare gli utenti finali e favorire piattaforme sicure e integre su cui editori e inserzionisti possano eseguire transazioni in modo efficace. La nostra tecnologia assicura alle aziende che per prime hanno adottato la tecnologia anti-malware, come Index Exchange, un ulteriore livello di protezione per editori e acquirenti, garantendo un ecosistema di programmatic advertising aperto ma sicuro”, dichiara Matt Gillis, CEO di clean.io.


Leggi anche: INDEX EXCHANGE ASSUME I PRIMI CHIEF MARKETING OFFICER E CHIEF CUSTOMER OFFICER


In ultima analisi, si legge nella nota, grazie all’integrazione con clean.io, Index Exchange è in grado di assicurare agli editori una domanda il più possibile incontaminata.

"Proseguiamo nel nostro investimento in soluzioni capaci di proteggere e difendere l’exchange dai malintenzionati. Miriamo a potenziare costantemente le nostre misure di sicurezza, soprattutto tenendo conto del grado di sofisticatezza sempre maggiore degli attacchi dei malintenzionati. Questa integrazione ci permette di garantire con maggiore sicurezza ai nostri editori una domanda incontaminata e protetta a livello globale, a salvaguardia dei loro ricavi e degli utenti finali”, aggiunge Mike McNeeley, VP of Product di Index Exchange.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI