• Programmatic
  • Engage conference

28/07/2021
di Teresa Nappi

Sketchin si riorganizza e annuncia la nomina di quattro nuovi General Manager. In tre anni fatturato raddoppiato

Lo studio di advanced & strategic design, parte del Gruppo Bip, compie un importante passo nell'ottica di consolidare il business in Italia e di crescere a livello internazionale. Focus anche sulle partnership in ambito tech

Sopra (da sinistra): Marco Tamburlini e Andrea Navone. Sotto: Elena Zordan, Silvio Cioni e Federico Rivera

Sopra (da sinistra): Marco Tamburlini e Andrea Navone. Sotto: Elena Zordan, Silvio Cioni e Federico Rivera

Sketchin, studio di advanced & strategic design parte del Gruppo Bip, cambia la sua struttura organizzativa e annuncia la nomina di nuovi General Manager, con l’obiettivo di diffondere la propria visione progettuale a livello internazionale e consolidare la propria presenza sul mercato internazionale.

Nuovi incarichi, dunque, per Andrea Navone, Elena Zordan, Silvio Cioni e Federico Rivera, mentre Marco Tamburlini, già GM Italia, cambia il suo ruolo.

Insieme, questa squadra aiuterà le aziende a esplorare il futuro per trasformare il loro business in modo sostenibile e lo studio ad affrontare le sfide del prossimo futuro.

La tensione alla trasformazione è uno dei valori alla base di Sketchin: lo studio è, infatti, in costante cambiamento e la sua organizzazione cambia di pari passo, riflettendo la volontà di mantenere inalterato quel processo di evoluzione scritto nel DNA Sketchin fin dalla sua nascita, nel 2006.

Il prossimo lustro si preannuncia ricco di sfide sia per lo studio che per il Gruppo Bip di cui Sketchin è parte dal 2016 (leggi qui). Per essere in grado di affrontare al meglio le nuove sfide, Sketchin ha trasformato il proprio centro di comando introducendo quattro nuovi General Manager e trasformando i compiti di uno già attivo in quel ruolo.

Questi si affiancheranno al Ceo Luca Mascaro e al GM Global, Alessandro Galetto, per gestire un’espansione su più dimensioni: quella internazionale, quella dei mercati locali - svizzero, milanese e romano - e quella delle partnership con i grandi player tecnologici.

Una Sketchin più internazionale

L’evoluzione naturale della Sketchin di oggi, già presente in Europa, negli Stati Uniti e in America Latina, si sviluppa sotto la guida di Marco Tamburlini, che cambia il suo ruolo da General Manager Italia a General Manager International, con la missione di strutturare al meglio lo studio per scalare e conquistare spazi in uno scenario più ampio, fatto di aziende globali in cerca di eccellenza, con la consapevolezza di poter crescere mantenendo la stessa cura e garantendo la stessa qualità erogata a livello locale.

Membro del Leadership Team, Marco Tamburlini è entrato nel mondo del Web 2.0 quando bisognava partire da zero: contribuendo alla costruzione del primo sistema di servizi online Vodafone, e alla creazione della più grande community online europea, quella della Gazzetta dello Sport, nel pieno della rivoluzione del mondo editoriale.

In Sketchin ha saputo far crescere lo Studio su tutto il territorio italiano e nel panorama estero. Da oggi si occuperà di sviluppare al meglio la presenza Globale di Sketchin, aiutando i clienti internazionali a comprendere come la convergenza tra business, design, tecnologie, dati e nuovi tipi di interazione tra uomo e intelligenza artificiale, giochi un ruolo cruciale nella definizione del futuro delle persone e delle esperienze che vivranno.

Un focus sui partner

Nel corso della sua storia Sketchin ha incontrato numerose realtà, da cui spesso sono nate fruttuose collaborazioni e progetti di successo.

Andrea Navone, già Chief Strategist Officer, avrà il compito di stringere e valorizzare le partnership con i grandi player tecnologici in qualità di General Manager Partnership: farà squadra con aziende d’eccellenza allineate alla mission di Sketchin, portando il meglio delle opportunità tecnologiche esistenti a beneficio dei clienti e garantendo competenze in ambiti più verticali all’altezza della qualità dello studio e delle ambizioni dei suoi clienti.

Da oltre 15 anni, il manager lavora nella progettazione e sviluppo di servizi e prodotti digitali rivolti agli utenti, con l'obiettivo di avere un impatto positivo sull'esperienza delle persone.

Durante un percorso articolato tra aziende informatiche, digital agency e design studio, Navone ha contribuito alla definizione di strategie digitali innovative per grandi enti della PA e brand global nei settori automotive, media, technology, energy e travel.

Da sempre appassionato di trasformazione ed evoluzione delle organizzazioni, dedica particolare attenzione alla cultura, alla comunicazione e alla metodologia come base di crescita delle aziende con cui collabora. Mantenendo la carica di Chief Strategy Officer, continuerà a gestire il portfolio di business development e coordinare il gruppo degli Strategy Director, curando la gestione delle relazioni con i key client e guidando la business strategy.

Più attenzione ai mercati locali: milanese, romano e svizzero

La presenza di Sketchin sul mercato italiano è stata diretta conseguenza della vicinanza territoriale alla culla svizzera dello studio. Presto è risultato evidente come Milano e Roma fossero due mercati fortemente caratterizzati e in forte crescita e meritevoli quindi di una gestione specifica.

Per questo la responsabilità del mercato milanese e del Nord Italia è stata affidata al nuovo General Manager Milano, Silvio Cioni; mentre per il mercato del centro e del Sud della Penisola è stato nominato Federico Rivera, che sarà General Manager Roma.

Entrambi avranno la missione di curare consolidare ed espandere il business dello studio e portare nuove competenze innovative sul territorio dei due più importanti mercati italiani.

Elena Zordan, nuova General Manager Switzerland, avrà invece come obiettivo quello di espandere Sketchin all’interno dei confini elvetici partendo dal Canton Ticino.

Anche quello svizzero è un contesto articolato, con un mercato crescente e desideroso di approfondire le tematiche del design, ma che necessita di relazioni più strette, con attenzione particolare alla diversa cultura e legislazione, da armonizzare con quella di tutte le Country in cui lo studio è presente.

Silvio Cioni è un Interaction & Service Design Director con oltre 20 anni di esperienza nel campo dei media interattivi e del physical/digital design. Come Executive Design Director in Sketchin si è occupato di progetti di trasformazione digitale, customer experience, innovation by design, service design e futures per Enel, Sky Wifi, Sogei e Fastweb per citare alcuni clienti rilevanti.

È ricercatore e docente in Interaction Design, Service Design e Design Futures (Speculative Design, Design Fiction, Participatory Futures). Insegna in Naba, Domus Academy Milano, IAAD e TAG Innovation School.

Federico Rivera, precedentemente Executive Design Director di Sketchin, ha, invece, seguito un percorso caratterizzato da esperienze in agenzie di design internazionali e società di consulenza. Mentor di startup e consulente per l’innovazione di prodotto e servizio, ha definito strategie di brand e servizio a livello globale per aziende come Ford, Shell, 3M, Jaguar, Land Rover, NTT.

Ha assunto un ruolo chiave nel processo di innovazione di alcune principali aziende italiane come Enel, UniCredit, Poste Italiane e TIM. Oggi è docente presso TAG innovation School e IED.

Elena Zordan, nuova GM Switzerland di Sketchin, si occupa di Design Direction e Strategic Design e vanta oltre 10 anni di esperienza nella progettazione e nella definizione di strategie per prodotti, servizi ed ecosistemi digitali. Ha maturato una passione per approcci e metodologie di design con la finalità di sviluppare processi di innovazione, supportare strategie di business e trasformare le organizzazioni.

Come Executive Design Director in Sketchin ha guidato progetti di trasformazione digitale, customer experience, service e brand design per Allianz, Benetton Group, Cornèr Banca, Repubblica e Canton Ticino, Enel, Endesa, Fendi, Rcs Media Group, Ticino Turismo, Mondadori, Mediaset, Vodafone. È docente in Communication, Service e Business Design. Insegna presso la Facoltà del Design del Politecnico di Milano, Liuc-Università Carlo Cattaneo e TAG Innovation School.

Il commento di Alessandro Galetto e di Luca Mascaro

“Abbiamo esteso allo studio la stessa intuizione che abbiamo applicato ai nostri team - dichiara Alessandro Galetto, General Manager Global di Sketchin -. Le persone che abbiamo scelto hanno differenti background e sono cresciute in contesti diversi: quello del Design e quello della strategia. Per ogni progetto ci sono un Design Director e uno Strategy Director, rispettivamente l’emisfero destro (creativo) e l’emisfero sinistro (razionale), di un cervello che insieme al team compone l’intelligenza al servizio del cliente. Allo stesso modo grazie alle loro diverse attitudini e competenze complementari, i nuovi General Manager sapranno affrontare le sfaccettature dei diversi mercati di cui sono responsabili”, aggiunge ancora.

A Galetto, fa poi seguito Luca Mascaro, Ceo & Head of Design di Sketchin, che dichiara: “Negli ultimi tre anni Sketchin ha raddoppiato il proprio fatturato e si è affermata come uno degli studi di design più importanti a livello europeo. Il nostro prossimo grande passo è quello di supportare i player globali nelle loro sfide di digitalizzazione, migliorando l’esperienza dei loro clienti, creando prodotti e servizi in grado di offrire valore non solo ai loro destinatari e agli shareholder, ma anche in termini di sostenibilità sociale e ambientale di lungo termine. A valle di un anno di pandemia molto complesso, siamo pronti a investire su cinque talenti che sapranno sviluppare i singoli mercati e farci vincere questa nuova sfida nell’arco dei prossimi tre anni.”

La nuova leadership di Sketchin avrà come obiettivo non solo la crescita dello studio, ma anche la cura dei clienti, mettendo al centro la qualità del design offrendo loro soluzioni all’avanguardia.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI