• Programmatic
  • Engage conference

28/06/2019
di Andrea Di Domenico

Mediaocean avvia un programma per facilitare l'acquisto della pubblicità tv

La società di ad tech collaborerà con la SSP Operative per creare una one-stop shop per chi compra spazi pubblicitari in tv, in cui vengono automatizzati processi di solito gestiti manualmente

mediaocean.jpg

Mediaocean ha annunciato il lancio di una nuova partnership con cui spera di eliminare alcuni dei grattacapi connessi al programmatic in tv. La società di ad tech collaborerà con l’organizzazione sell-side Operative per creare una one-stop shop per le aziende e le agenzie che desiderano acquistare un bacino di spazi pubblicitari in tv, sia essa lineare (connected tv) o digitale (streaming). Secondo l’AD della compagnia Bill Wise, l’integrazione sarà in grado di automatizzare gran parte delle procedure relative all'assemblaggio dei request for proposal (RFP) e al processamento degli insertion order, permettendo ai team coinvolti nelle operazioni, sia buy che sell-side, di ridurre di circa la metà il tempo necessario nell’esecuzione degli accordi, attraverso l'automatizzazione di processi normalmente gestiti manualmente. Operative è una piattaforma SaaS lato vendita, e Mediaocean ha un'offerta simile lato acquisto. Con questa integrazione, gli editori risponderanno a un RFP attraverso la soluzione AOS Connect di Operative, che verrà poi mandata alle agenzie media attraverso la piattaforma Prisma di Mediaocean. «Le persone non vogliono comprare il contesto, non vogliono comprare programmi: vogliono comprare pubblico», ha detto Wise. «E comprare quel pubblico significa cercare lo stesso tipo di funzionalità che stanno sperimentando sul digitale. Vogliono che esista anche in TV». Un altro fronte a cui Mediaocean sta lavorando è quello dell’unificazione: oggi gli utenti possono fare un'abbuffata di dispositivi diversi per guardare il loro contenuto preferito, e questo rende il targeting e l’attribuzione una faccenda davvero complicata. A partire da agosto, i clienti di Mediaocean possono utilizzare gratuitamente per tre mesi il nuovo sistema, che Wise paragona a una "DSP per la tv". Tra i partner di lancio del progetto pilota ci sono il broadcaster americano NBC Universal (NBCU) e alcune agenzie di una delle grandi 5 holding pubblicitarie. Il prossimo step sarà coinvolgere più partner lato acquisto e lato vendita. Le due società, Mediaocean e Operative, contano di estendere nel quarto trimestre il progetto pilota alle principali 7 o 8 società media, per arrivare a coprire un'ampia porzione del mercato editoriale premium.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI