• Programmatic
  • Engage conference

22/06/2021
di Rosa Guerrieri

Audience Addressability in un mondo post-cookie, la prospettiva degli editori in uno studio di PubMatic

pubmatic.jpg

Mentre l’industria dell’online advertising si avvicina con passo deciso a un mondo senza cookie, gli editori stanno sviluppando nuove tecniche che, avvalendosi di identificatori unici, consentono loro di gestire e tracciare i consumatori per continuare a raggiungere le persone con annunci pertinenti.

Per comprendere meglio le diverse strategie di addressability, PubMatic ha intervistato una settantina di professionisti che si occupano di ad tech operation, sviluppo del business pubblicitario e monetizzazione in programmatic le cui risposte sono incluse nel nuovo whitepaper “Audience Addressability: guida per l’editore”. Ecco cosa ha scoperto.

Il viaggio finora 

Il 41% degli editori ha lavorato con soluzioni di addressability nell’ultimo anno, e il 36% da un anno o più. La maggioranza (88%) ha utilizzato i dati degli indirizzi e-mail, mentre più di due terzi (69%) ha implementato soluzioni di user ID unici. Poco meno della metà (43%) ha preso in esame i dati del browser, il 35% ha utilizzato gli indirizzi IP e il 31% ha sfruttato i dati del dispositivo. Questo approccio ad ampio spettro testimonia l’impegno degli editori nel creare un web aperto migliore grazie a dati di qualità

Tra coloro che hanno implementato strategie di dati per l’audience addressability, il 63% afferma che gli indirizzi e-mail hanno dato prova di maggiore efficacia, seguiti da soluzioni di user ID unici secondo il 33% degli intervistati. I dati del dispositivo, dell’IP e del browser si sono dimostrati meno efficaci, citati da meno del 20% degli editori. Lo scarso successo nell’utilizzo di user ID unici non significa che si tratti di una soluzione impraticabile, inoltre la tecnologia è ancora in una fase di sviluppo relativamente iniziale e, quindi, più complessa da eseguire rispetto alla corrispondenza degli indirizzi e-mail. 

Per far fronte alle sfide associate all’utilizzo di user ID unici, gran parte degli editori (84%) si sta rivolgendo ai vendor tecnologici per ottenere una maggiore scalabilità e affrontare gli ostacoli legati all’addressability. Le altre misure adottate per fronteggiare queste sfide sono rappresentate dal training interno e dallo sviluppo di competenze (37%) e dall’assunzione e dallo sviluppo in-house di esperti di addressability (29%). Il divario tra questi risultati riflette, da un lato, il lavoro che il settore ha svolto negli ultimi anni per promuovere collaborazioni e iniziative volte a ottenere risultati migliori nel digital advertising e indica, dall’altro, che questo trend è destinato a continuare.

Il programmatic in un mondo senza cookie 

Il vantaggio principale offerto dai cookie di terze parti nell’ultimo decennio è rappresentato, probabilmente, dalla capacità di raggiungere vaste audience targettizzabili, obbiettivo, questo, difficile da perseguire in un mondo senza cookie.

La ricerca di PubMatic mostra che la più grande barriera quando si tratta di scalare i dati e le soluzioni al livello richiesto per eseguire campagne in programmatic è rappresentato, secondo il 61% degli intervistati, dallo sviluppo di un set di informazioni personali identificabili (PII) sufficientemente ampio e robusto, seguito dalla scalabilità di soluzioni basate sull’ID per supportare il programmatic (53%), e dal superamento della difficoltà relativa a tracciamento e gestione degli ID utente in modo centralizzato (43%). È interessante notare che solo un quarto (27%) degli editori afferma che la ridondanza cross-device è una sfida chiave e che il 20% considera tale l’ottenimento di informazioni cross-site o cross-channel.

Per scalare i set di dati di prima parte, gli editori devono verificare le loro offerte e identificare ciò che è rilevante per le proprie audience. Con una visione chiara del valore offerto dai contenuti possono quindi creare esperienze che generano dati all’interno di framework conformi alla privacy, ad esempio login e iscrizioni che migliorano questo valore nel contesto della relazione tra editore e audience a livello personale.  

Qual è la strada da seguire per gli editori?

Al fine di comprendere ulteriormente l’addressability e operare per raggiungere precisione e scalabilità maggiori, gli editori dovrebbero iniziare a collaborare con SSP omnicanale dotate di funzionalità multiformato o creare strumenti di misurazione in-house per generare analisi cross-site e data-driven. Queste informazioni rendono gli editori meno dipendenti da tattiche di targeting semplicistiche - che sono spesso fastidiose per i consumatori - e permettono loro di costruire strategie di pubblicità digitale più ponderate, in grado di raggiungere gli obiettivi di engagement e performance. Inoltre, la collaborazione con un partner tecnologico che gestisce senza problemi molteplici ID su dispositivi e formati di annunci differenti assicura un risparmio notevole in termini di operatività, cosicché i team possono dedicare tempo ed energie ai test e sviluppare ulteriormente la loro strategia.

Di pari passo, gli editori devono continuare a investire altrettanto - se non di più - tempo ed energie nella creazione di contenuti di valore perché, in definitiva, è questo ciò che attrae e fidelizza i consumatori, senza i quali non esisterebbe l’audience addressability.

Sia nel breve che nel lungo termine, c'è un futuro positivo per l’addressability – l’affidarsi ai dati degli indirizzi e-mail e agli user ID unici mostra, ad oggi, la maggiore possibilità di successo. In futuro vedremo senza dubbio ulteriori sviluppi nell’utilizzo di dati del browser, del dispositivo e dell’IP che permetteranno agli editori di valutare ogni approccio e ritagliarsi un percorso unico per il successo a lungo termine.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI