• Programmatic
  • Engage conference

15/02/2021
di Teresa Nappi

Audiweb: il 73% della popolazione italiana online nel 2020

Il comitato dedicato all'analisi dell'audience online, rivela i trend dell'utenza internet dell'anno del Coronavirus. La media mensile di utenti è stata di 43,5 milioni con una variazione del +4,6% rispetto al 2019

Audiweb-TDA-2020.jpg

Nel 2020 il 73% della popolazione dai 2 anni in su si è collegata alla rete. A dirlo è Audiweb, che oltre a fornire i dati relativi alla total digital audience di dicembre 2020, ha reso noti i dati relativi alla media dell’utenza online nel corso dell’intero 2020.


Leggi anche: AUDIWEB: A DICEMBRE 2020 ONLINE 44,7 MILIONI GLI UTENTI UNICI


Ricordando che il 2020 è stato segnato principalmente dal periodo di emergenza Covid-19 e dall’alternarsi delle differenti fasi di lockdown - che hanno inevitabilmente inciso sulle abitudini delle persone e influenzato le modalità di consumo di internet -, nel 2020 la total digital audience mensile ha raggiunto come detto il 73% della popolazione dai 2 anni in su, con una media mensile di 43,5 milioni di utenti unici e una variazione del +4,6% rispetto alla media mensile del 2019.

Tra i device rilevati, lo smartphone rappresenta il principale canale di accesso alla rete, raggiungendo nel 2020 una media mensile di 38 milioni di utenti unici, pari all’85,2% della popolazione tra i 18 e i 74 anni (+5,7% rispetto al 2019).

La fruizione di internet nel giorno medio del 2020 ha visto un incremento generale del 3,3% rispetto al giorno medio del 2019, con un maggiore uso del computer (+7% la popolazione che usa con maggiore frequenza questo device per navigare) determinato da uno sconvolgimento della vita quotidiana che ha visto cambiare, in seguito alla pandemia, le pratiche lavorative, di studio e del tempo libero, come già emerso dalle precedenti analisi dei dati della total digital audience di quest’anno.

L’incremento della fruizione di internet e dell’audience online nel giorno medio nel corso di tutto il 2020 è anche in questo caso il riflesso, da un lato, di un maggior uso del computer per navigare e, dall’altro, di un ulteriore consolidamento della fruizione da smartphone, a partire dal primo periodo di lockdown (marzo 2020-maggio 2020), seguito da un breve intervallo generale tipico del periodo estivo, per poi ritornare a crescere da settembre inoltrato con la ripartenza delle attività lavorative e scolastiche nuovamente in condizioni di emergenza, sebbene con valori più moderati della prima parte dell’anno.

Le differenze più evidenti emergono nel confronto dei dati tra il mese di dicembre 2020 e dicembre 2019 (mese, quest’ultimo, ancora fuori dalla fase di emergenza). Infatti, in questo caso, l’audience online nel giorno medio da tutti i device rilevati è aumentata del 5,4% rispetto a dicembre 2019, con un evidente incremento pari al 21,6% per la fruizione da computer e al 19,6% da smartphone.

I consumi online nel 2020

Per quanto riguarda il dettaglio sui consumi online nel corso del 2020, vi si riscontrano le stesse peculiarità generali e l’incidenza dei principali avvenimenti di quest’ultimo anno. Tra le categorie di siti più visitate nel 2020 emergono particolari variazioni rispetto al 2019, con l’incremento dell’audience online di alcune categorie di siti e app spinte principalmente dalla situazione di emergenza e la flessione per altre.

Tra le principali categorie di siti e app nel 2020 ritroviamo: la categoria che raggruppa i motori di ricerca (Search), con 41 milioni 126 mila utenti unici medi mensili nel 2020 e un incremento del 3,2% rispetto alla media del 2019; la categoria dedicata agli strumenti e i servizi online, tra cui i tool per gestire le riunioni online (Internet Tools/Web Services), con quasi 39 milioni di utenti unici mensili e un incremento del 5,4% sul 2019; i social network (Member Communities) con 38 milioni 808 mila utenti e un incremento del 4,7%; la categoria dedicata alle piattaforme di video online (Videos/Movies) con 38 milioni 599 mila utenti e un incremento del 4,6%; i portali generalisti (General Interest Portals & Communities) che, con 38 milioni 493 mila utenti, crescono del 5,2% rispetto al 2019; le news online (Current Events & Global News) che registrano un incremento del 7,5%, con 38 milioni 40 mila utenti; i siti e le app dedicati alla gestione delle email che, con 35 milioni 567 mila utenti,  crescono del 7%.

Tra le principali categorie che nel 2020 hanno registrato un incremento dell’audience media mensile pari o superiore del 10% rispetto al 2019 troviamo i raggruppamenti “Instant Messaging” (+11,6% rispetto alla media del 2019), Food & Cooking (+11,3%), Health, Fitness & Nutrition (+11,1%), Multi-category News & Information (+13,4%) - che raggruppa siti di informazione più specializzata e verticale, Government (+20,6%) - che raggruppa siti e app delle istituzioni governative a livello nazionale, regionale e locale, Financial News & Information (+25,7%), ma anche i raggruppamenti di siti e app dedicati alle consegne “Delivery/Stamps” (+21,2%) e alle risorse per l’educazione scolastica “Educational Resources” (+14,7%) e universitaria “Universities” (+16,8%).

Tra quelle, invece, che registrano dati in flessione, conseguenza dello stato di emergenza e della pandemia in corso, si notano in modo particolare: le categorie che raggruppano siti e app dedicati al mondo del turismo, dei viaggi e degli spostamenti, come nel caso di “Maps/Travel Info” (-4,3% rispetto alla media del 2019), “Multi-category Travel (-12,4%) - dedicato ai siti e app di prenotazioni viaggi -, Directories/Local Guides (-2,5%) dedicato alle guide online per il turismo, Ground Transportation (-25,5%), Hotels/Hotel Directories (-26,6%), Airlines (-26,1%); Gambling/Sweepstakes (-21,3%) dedicato alle lotterie online; Automotive Manufacturer (-11,0%).

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI