• Programmatic
  • Engage conference

19/11/2019
di Caterina Varpi

Clickio lancia in Italia Prism, tecnologia per siti più veloci da caricare

Prism consente di trasformare qualsiasi sito di contenuti in una “progressive web app”. Al cuore della soluzione c’è la tecnologia AMP

clickio-prism-2.jpg

Clickio, piattaforma ad tech indipendente attiva nel settore della monetizzazione pubblicitaria e tra le prime aziende al mondo a lanciare un GDPR Consent Tool approvato IAB completamente gratuito e personalizzabile, presenta al mercato italiano Prism, la sua tecnologia per la massimizzazione delle performance dei siti. La soluzione si propone di rispondere a una specifica esigenza dei publisher digitali di oggi: quella di avere siti che siano veloci a caricare pagine e contenuti. Secondo dati di Google, infatti, ben il 75% dei siti mobile impiega più di 10 secondi a caricare, e il pubblico non sembra disposto ad aspettare tutto questo tempo: il 53% degli utenti lascia un sito mobile dopo 3 secondi di attesa, e le conversioni diminuiscono del 12% per ogni secondo extra che una pagina impiega a caricare. Prism consente di trasformare qualsiasi sito di contenuti in una “progressive web app”. Si tratta di una pagina web mobile che ha però caratteristiche simili a quelle di un’app, come un layout più semplice e immersivo, e la possibilità di ricevere notifiche e accedere ai contenuti direttamente dallo schermo dello smartphone. Grazie a una struttura più snella rispetto a quella di un normale sito web, consente il caricamento istantaneo di qualsiasi pagina anche sui vecchi dispositivi e in 3G, garantendo massime performance e una positiva user experience. Al cuore della soluzione c’è la tecnologia AMP (Accelerated Mobile Pages) di Google ottimizzata per mobile, su cui, grazie alla libreria Shadow AMP, Prism può applicare script e widget customizzati, per creare progressive web app su misura per le esigenze di ogni editore. Le funzioni che Prism mette a disposizione dei publisher sono tante, dal passaggio da un articolo all’altro con uno swipe, alla possibilità di inserire contenuti consigliati sia al termine di un articolo che all’interno dell’articolo stesso. Tali funzioni permettono all'editore di aumentare il tempo di permanenza dell’utente sul sito proprio sito ed il numero di pagine viste. Non da ultimo, con questa tecnologia è possibile ottimizzare il layout pubblicitario del sito. Grazie all’utilizzo dell’intelligenza artificiale, Prism analizza vari parametri come il tipo di dispositivo e di connessione internet, la distribuzione dei contenuti e il comportamento dell’utente, ed elimina la pubblicità dove non è necessaria, posizionandola invece nei luoghi del sito più performanti. Il risultato è una maggiore viewability, un più rapido caricamento delle pagine ed una performance pubblicitaria superiore. “Generalmente, quando si ha un sito, le cose su cui si tende ad investire di più sono il design o i contenuti. Ma questi sforzi possono essere del tutto vani se le pagine di quel sito si caricano lentamente o in maniera incompleta – spiega Jacopo Gerini, Managing Director di Clickio Italia. - E questo vale ancor di più se si naviga da mobile, su cui il pubblico si aspetta siti non solo veloci ma anche facili da esplorare. Google, tra l’altro, ha recentemente annunciato di stare lavorando a un sistema di badge su Chrome per identificare chiaramente agli occhi degli utenti i siti che caricano lentamente. Per questo è fondamentale per gli editori agire per far sì che i loro siti siano performanti e user-friendly, condizione necessaria per trattenere i lettori ed aumentare i ricavi pubblicitari”. “Prism è la soluzione ideale per gli editori che vogliono massimizzare le performance dei loro siti, allo stesso tempo garantendo ai lettori un’esperienza di navigazione piacevole e coinvolgente, senza trascurare i guadagni pubblicitari, anzi andando ad aumentarli”, aggiunge Jacopo Gerini.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI