• Programmatic
  • Engage conference

26/08/2020
di Alessandra La Rosa

Acqua Frisia: sostenibilità, Made in Italy e tanto digital per il rilancio di un iconico brand

Licia Fagetti, Marketing Manager dell’azienda chiavennasca, ci racconta i dettagli della comunicazione di un marchio pronto a riconquistare gli italiani

Licia Fagetti

Licia Fagetti

Sostenibilità e Made in Italy. Su questi due pilastri si costruisce il rilancio di un iconico brand di acqua della Valchiavenna, Acqua Frisia. Un brand che ha fatto la storia dell’acqua minerale in Italia, storicamente legato alla consegna a casa dell’acqua in vetro negli anni ’70 e ’80, e che adesso, dopo essere stato rilevato da un gruppo di investitori capitanato dall’italiano Roger de Bellegarde, è pronto a tornare sulle tavole di case e ristoranti a 60 anni dalla sua nascita.

Abbiamo parlato con Licia Fagetti, Marketing Manager di Acqua Frisia, della strategia che l’azienda sta mettendo a punto per il rilancio. Un piano che in una prima fase vedrà protagonista il mezzo digital.

«Mi piace sintetizzare il rilancio di Frisia con uno degli slogan che abbiamo scelto per la comunicazione – ci ha spiegato la manager -: “Ritorno al futuro”. “Ritorno” perché quello di Frisia lo è davvero, il ritorno di un brand iconico e di un’acqua di qualità, “futuro” perché rispetto a prima il progetto è davvero innovativo, con un grosso focus sulla sostenibilità grazie a un lavoro di rinnovo dello stabilimento che ha portato a un calo dei consumi del 94% e a una cospicua riduzione dei trasporti. Siamo orgogliosi di dire che la nostra acqua è davvero amica dell’ambiente, anche grazie a confezioni in cartone e al sostegno del riciclo responsabile del vetro».

Anche grazie a questa grande, «quasi maniacale», attenzione per i temi ambientali, Acqua Frisia si posiziona su un segmento di mercato premium e si rivolge a un target medio-alto, strizzando l’occhio anche ai giovani, molto sensibili al tema “green”.

E proprio a questo pubblico l’azienda ha scelto di parlare con un linguaggio fresco e scherzoso («compatibilmente con il periodo di pandemia che stiamo vivendo», precisa la manager), sintetizzato nel pay-off “Brillantemente Frisia”. Un linguaggio che verrà utilizzato per veicolare messaggi «che esprimano l’orgoglio e il senso di appartenenza al nostro territorio, a cui siamo storicamente e profondamente legati, lanciando messaggi di positività per il nostro Paese e gli italiani».

Per il momento, la campagna sarà prevalentemente digitale, con il coinvolgimento di Facebook, Instagram e LinkedIn, oltre a Google e YouTube, e con una targetizzazione mirata sul territorio lombardo. Successivamente, una volta che la distribuzione sarà ultimata e i prodotti saranno a scaffale, la pianificazione verrà estesa a tutta Italia, «con un media mix tra digital e below the line affiancato da DOOH nelle grandi città, magari con la partecipazione di un testimonial di portata nazionale», dichiara Fagetti.

Attualmente sono due le creatività utilizzate dal brand: “Ritorno al futuro”, per i messaggi di brand awareness e brand positioning, e “Un dono della natura” per raccontare la storia di Frisia e il suo progetto green. L’azienda ha recentemente affidato dopo gara la strategia di comunicazione digital a XChannel, agenzia di marketing e comunicazione crosscanale attiva in Italia e in Europa nel settore food & beverage. Il planning è invece gestito internamente.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI