• Programmatic
  • Engage conference
12/01/2022
di Caterina Varpi

Con il rebranding Sinfonialab mette al centro persone e relazioni. Fatturato 2021 ad oltre 700.000 euro

L'agenzia di comunicazione e digital marketing ha visto crescere il team e annuncia l'ingresso di nuovi clienti appartenenti a diversi ambiti

Luca Bassanello, CEO di Sinfonialab

Luca Bassanello, CEO di Sinfonialab

A 18 anni dalla sua nascita Sinfonialab, l'agenzia di comunicazione e digital marketing di Padova, ha effettuato un rebranding, un'operazione con cui vuol far emergere e valorizzare quell’approccio al marketing etico che l’ha sempre contraddistinta. Una svolta trainata da un mercato che si è evoluto in maniera ancora più rapida nel corso degli ultimi due anni di pandemia, e che ha manifestato in modo ancora più forte il suo bisogno di vicinanza, ascolto ed empatia.

L'agenzia, che ha chiuso il 2021 con un fatturato di più di 700 mila euro, stabile sul 2020, e che negli ultimi 5 anni ha costantemente assunto nuove persone, con una cresc di circa il 40% a livello di dipendenti, ha recentemente lanciato il nuovo sito, che ospita il nuovo logo, e il nuovo concept “digitale per esseri umani”. Per Sinfonialab, questo concetto si traduce prima di tutto nella progettazione di prodotti e servizi che accorciano le distanze e rendono significative e durevoli le relazioni tra le aziende e i loro clienti, per creare un impatto positivo sulla vita delle persone. Una digitalizzazione dei processi aziendali, compresi quelli di marketing e commerciali, vista come catalizzatore di opportunità per instaurare relazioni vere e durature.


Leggi anche: TUTTE LE NEWS SUL MONDO DELLE AGENZIE


La nuova offerta di Sinfonialab alle aziende è coerente e in linea con questo posizionamento: ai servizi più tradizionali (brand identity, social media marketing, web advertising & performance marketing, graphic design, video & motion graphics) l’agenzia affianca User Experience Design, User Research e Inbound marketing per spostare il focus sull’esperienza digitale vissuta dall’utente finale.

“Se noi impariamo a comprendere come le persone percepiscono, ragionano, apprendono e si comportano possiamo progettare servizi e prodotti che semplificano la vita. Le esperienze che migliorano la vita delle persone sono quelle che nascono dall’ascolto dei loro bisogni”, sottolinea Valeria Matacchieri, Direttore creativo e UX Designer.

Anche la partnership consolidata con HubSpot va in questa direzione: una piattaforma all-in-one per il marketing, le vendite e il customer care che, basandosi sul proprio Crm, consente ai vari comparti aziendali di gestire in modo unificato le informazioni sui propri contatti, garantendo all'utente finale un'esperienza coerente e soddisfacente.

“Il punto non è la tecnologia - aggiunge Luca Bassanello, CEO e consulente digital -, la tecnologia deve fare un passo indietro e sparire, perché quello che conta è quello che le persone possono farci, quello che possono ottenere, i risultati che possono raggiungere grazie ad essa. Quello che conta per le persone infatti è prima di tutto l’esperienza”

Fondamentale in questo modello, spiega la nota, è la diffusione di una nuova cultura del marketing, realizzata attraverso quello che prende il nome di "human learning lab", un contenitore dove le aziende e i professionisti possono trovare tante modalità di formazione: webinar, workshop, percorsi di coaching e risorse gratuite per apprendere e far propri gli strumenti necessari. Ma questo approccio fortemente umano non si esprime solo nel rapporto con i clienti e nella progettazione di prodotti digitali, ma soprattutto nel clima che si respira all’interno del team, composto da 15 professionisti, si legge sempre nel comunicato.

Nel 2021 SinfoniaLab ha acquisito infine nuovi clienti nei settori tecnologico, sanitario, turistico, industria, dei servizi e dell'ambiente.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI