• Programmatic
  • Engage conference

13/05/2021
di Andrea Di Domenico

Bartering pubblicitario: Acquazzurra debutta sul mercato Aim di Borsa Italiana

L’ammissione è avvenuta a seguito del collocamento di 583.500 nuove azioni ordinarie, per una raccolta complessiva pari a oltre 2 milioni di euro

Giancarlo Riva, presidente di Acquazzurra

Giancarlo Riva, presidente di Acquazzurra

Debutto in borsa per Acquazzurra S.p.A. Prende il via in data odierna sul mercato Aim Italia la negoziazione delle azioni e dei warrant della società, specializzata in bartering pubblicitario nei settori arredamento, life-style, automotive, food&wine e tecnologia .

L’ammissione è avvenuta a seguito del collocamento in aumento di capitale di 583.500 azioni ordinarie di nuova emissione, per una raccolta complessiva pari a oltre 2 milioni di euro.

Giancarlo Riva, presidente di Acquazzurra, ha commentato: “La quotazione sul segmento professionale di AIM Italia rappresenta per noi sia un traguardo che un punto di partenza: è un primo passo nel percorso di consolidamento che intendiamo intraprendere e la raccolta di capitale derivante dall’IPO sarà funzionale a portare avanti le strategie di crescita sia organica che per linee esterne. Negli ultimi 15 anni abbiamo reso Acquazzurra un’azienda solida e trasparente nel settore del bartering, formando rapporti di fiducia reciproca con i maggiori media e arrivando a collaborare con più di 200 aziende inserzioniste di standing elevato” (sotto, un'immagine dello showroom AClub).

A seguito del collocamento, la RP Holding S.r.l. (Società detenuta da Giancarlo Riva al 55% e Giovanna Pinto al 45%) possiede il 77,41 del capitale di Acquazzurra; AcomeA SGR ha il 5,46%, mentre il restante 17,13% si trova sul mercato. “Siamo molto soddisfatti della fiducia ricevuta dagli investitori, per la maggior parte istituzionali, che hanno accolto con entusiasmo il nostro progetto e grazie ai quali abbiamo raggiunto il nostro obiettivo di raccolta”, aggiunge il presidente di Acquazzurra, società che fa del servizio accurato, della riservatezza e del rispetto delle caratteristiche di posizionamento del marchio punti chiave del proprio business model.

La capitalizzazione post collocamento della società, calcolata sulla base del prezzo di offerta, è pari a oltre 9 milioni di euro.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI